wpe1.jpg (2591 byte)


cynthia.gif (37319 byte)

"CONVERSATION WITH CYNTHIA LADVOCAT*

ON ADOPTION, CULTURES AND FAMILY THERAPY"

 

M.G. The site ‘Sistemie culture/Systems and cultures’ has been made for exchange with people (like us…) interested in social issues and in cultures. What can you tell us about you and your work?

Cynthia Ladvocat – I am Psychologist, Psychoanalist and Family Therapist. My age is 49, I’m married, I’ve got one son 21 and one daughter 19. My family lives in Rio de Janeiro – Brazil. I have been gratuated in 1976, and since than works with adoption. I have a private office and I’m member of the International Psychoanalytical Association and member of European Family Therapy Association. I also work at a non governamental organization, Brazilian "Fondation Terre des Hommes" that makes a social work with children at risk for not having or living with a family. This problem comes from family violence or social problems, like poverty. I went to University, last year, to work my master project on "The myths of the biological family in adoption".

You’ve said that you work is on the field adoption and within Family Therapy…What is exactly your work?

Cynthia Ladvocat – I work with psychotherapy in my private practice with children, adolescents and theirs families. I see children when theirs parents don’t know how to tell them about being adopted. Sometimes the children already know about the adoption, but have some difficulties and the parents assume that these problems exist because of the adoption. Others difficulties comes from the parents when these difficulties, like learning or behavior problems, are seen as a sign of adoption issue. In general, I make a family assessment to look for the best to do with in a psychoterapy setting. I am asked to give conferences and courses to students psychologists, social workers and youth tribunals. Once a month I meet with an adoptive families group and work with some importants issues on adoption. As a family therapist I am always ready to speak and show videos on this subject at Family Therapies Congress and also on television and media in general.

Which are the major difficulties in your work with chidren and tribunals for adoptions? Do you think that the Tribunals are necessary and their function is positive?

Cynthia Ladvocat – Here in Brazil, the tribunals are necessary and as professionals on adoption, can’t do much without it. The tribunal specially cares about the abandonment and the social problems in childhood. Family therapists care about the learning and studies of the tribunal’s professionals. I am often requested to supervise and deliver courses on adoption.

Which are the achievements that you’ve got ? Which is the sense you give to your work in this difficult field? How can you go forward in these difficulties?

Cynthia Ladvocat - The achievements that I have got is to see the changings in this subject like: students and professionals trying to study all about adoption, the university is opening new projects in this field, therapy family and psychoanalysis approach waiting for papers and conferences about adoptive family and adoptive children, and our country and states working to change the childhood’s situation. I usually say that the sense I give to me in this field is something I am in love with. That’s why all difficulties I can find are not sufficient to give up. I have not adoptive relatives in my family and I don’t have adoptive sons. Although I have my ressonances in this field, which touch deep on my heart.

There are many people from Italy and from other countries coming there to adopt children. What do you think about these adoptions? What do the social workers think about it?

Cynthia Ladvocat – This situation has changes in the last years. Until some years ago, people usually came to Brazil to adopt a child. Now the tribunal tries to find a Brazilian family for every Brazilian child. When this is not possible, than permit is given for a foreign family to adopt. We have some difficulties to find families for children over 6 years old and with special needs. In Rio de Janeiro alone we have more than 200 families waiting to adopt a child. However there’s always a strong preference for caucasian new born babies, female and/or children not older than 5 years old.

Which are the 'myths' you think are the most common about adoptions?

Cynthia Ladvocat – We are allways facing to several miths with adoptive families, adoptives children, professionals and culture in general. One of this myths is the importance given to biologicals links and the contact with biological family. The adoptive parents avoid this because they fear that if a child asks about the "real" parents it means that he or she is not happy with his or her adopted family. Frequently the adoptive families assume that the family of origin must be hidden, forgotten and if possible never remembered or talked about. I work with genograms and an adoptive parent usually does not talk about his origin. So I ask families to draw a map with the story of adoptive family and with the story of biological family. If the adoptive family ignores his biological story, I work with the fantasies of the family and the child. The adoption trial is important to search for subjects, fears, secrets and myths about adoption. To talk, to face and to deal about these issues is an important aim in psychotherapy with adoptive families.

I heard that a lot of people coming for adoption prefer to adopt white chidren. What do you think about it?

Cynthia Ladvocat - In my experience, it’s true that white people prefer white child. But we try all the time to encourage people to adopt others races and not only white babies. I have worked with families that adopted a non white child and I see that the family can deal with it with no problems. Is not the colour that decides the future of a family.

What do you think about the folow up of the cases? Which are your expectations about italian and european social workers and psychologist working with the adopting families? Do you think it would be better to keep in conctact with them?

Cynthia Ladvocat – I believe that pre and post adoption work is the best thing to do. Some professionals do their work during the process and when the child goes with his or her new family, stops to see this family. I prefer to follow up during a year and have a follow up visit once a year in the next years. In my experience when adolescence starts it is good to check how the family is dealing with some new questions about adoption.

How do you deal with cultures there? A myth of ours is that you, the Brazilian people, have found a resolution of the problem of cultural conflict. Is it true?

Cynthia Ladvocat - We work all over the country. In Brazil we have 60 Groups that have in mind changing the adoption culture. On May, 25th – The Adoption Day we have a great Adoption meeting where we have more than 800 participants. These groups keep in contact all the time and it is a reference in this subject in Brazil.

Thanks for your contribution, that’s very interesting for the site and for the people. I hope we shall keep in contact in the future and work together.


CONVERSAZIONE CON CYNTHIA LADVOCAT* SU ADOZIONE, CULTURE E  TERAPIA FAMILIARE

 

M.G. Il sito: ‘Sistemie culture/Systems and cultures’ è stato predisposto per permettere scambi fra persone (come noi….) interessate ai problemi sociali e alle culture. Che cosa ci puoi dire di te e del tuo lavoro?

Cynthia Ladvocat – Sono psicologa, psicoanalista e terapista familaire. Ho 49 anni, sono sposata, e ho u figlio di 21 anni e una figlia di 19. La mia famiglia vive a Rio de Janeiro – Brasile. Mi sono laureata nel 1976, e da allora lavoro nel campo dell'adozione. Ho uno studio privato e sono membro dell' International Psychoanalytical Association e membro dell'EFTA (European Family Therapy Association). Lavoro anche con un organizzazione non goovernativa, Brasiliana, la "Fondation Terre des Hommes" che fa intervento sociale con bambini che sono a rischio in quanto non hanno un famiglia o non vivono in una famiglia. Questa situazione deriva da realtà di violenza familiare o da problemi sociali, come la povertà. Ho frequentato all'Università, l'anno scorso, per lavorare alla mia tesi su "I miti della famiglia biologica in adozione".

Mi dicevi che il tuo lavoro è sulla terpia della famiglia e sull'adozione…Di cosa tratta più precisamente?

Cynthia Ladvocat – Lavoro come psicoterapeuta, nella mia  pratica privata, con i bambini, gli adolescenti e le loro famiglie. Vedo i bambini nei casi in cui i loro genitori non sanno come dir loro che sono stati adottati. A volte i bambini già sanno dell'adozione, ma hanno dei problemi e i parenti partono dall'idea che questi problemi derivino dall'adozione. Altri problemi vengono dai genitori quando le difficoltà segnalate, ad esempio di apprendimento o comportamentali, sono viste in relazione all'adozione. In generale, faccio una seduta con la famiglia in cui cerco di capirequali possono essere gli obiettivi della successva psicoterapia. Mi chiedono di fare delle coferenze o dei corsi per studenti di psicologia, assistenti sociali e tribunali per i minorenni. Una volta al mese mi incontro con un gruppo di famiglie adottive e lavoro su alcuni importanti aspetti dell'adozione. Come terapista familiare spesso devo intervenire e mostrare video su questo argomento ai congressi di terapia familiare e anche alla televisione e ai media  in genere.

Quali sono le maggiori difficoltà che incontri nel tuo lavoro con i bambini e con i Tribunali riguardo alle adozioni? Pensi che i ribunali siano necessari e la loro funzione positiva?

Cynthia Ladvocat – Qui in Brasile, i Tribuali sono necessari. Come professionista nel campo del'adozione non potrei fare molto senza di essi. I Tribunali si occupano specialmente dell'abbandono e dei problemi sociali che riguardano l'infanzia. I terapisti familiari si occupano della formazione dei professionisti che fanno parte dei Tribunali. Spesso anche a me viene richiesto di fare delle supervisioni e di tenere dei corsi di formazione.

Quali sono i risultati che hai raggiunto? Qual è il senso che tu dai al tuo  lavoro in questo difficile campo? Come riesci ad andare avanti in queste difficoltà?

Cynthia Ladvocat - I risultati che ho raggiunto sono di vedere dei cambiamenti nelle persone, come quando mi accade di vedere studenti e operatori che cercano di approfondire tutto ciò che riguarda l'adozione, oppure quando l'università intraprende nuovi progetti in questo campo, quando vedo sia persone che si rifanno all'approccio di terapia familiare che a quello psicoanalitico che si dedicano a studi e conferenze sulla famiglia adottiva o sui bambini adottati, e il nostro paese o i diversi stati della federazione che lavorano per cambiare la situazione dell'infanzia. I dico di solito che il senso che do a questo mio lavoro nel lavorare in questo campo è come un innamoramento. E' perché tutte le difficoltà che incontro non sono sufficienti per smettere. Non ho parenti adottivi nella mia famiglia e nemmeno ho figli adottivi. Ma comunque ho le mie risonanze in questo campo, che mi toccano nel profondo del cuore.

Ci sono molte persone dall'Italia e da altri paesi che vengono lì per adottare dei bambini. Cosa ne pensi di queste adozioni? E cosa ne pensano gli operatori sociali?

Cynthia Ladvocat – La situazione è cambiata negli anni scorsi. Fino a qualche anno fa, la gente aveva la consuetudine di venire in Brasile per adottare un bambino. Ora il tribunale cerca di trovare una famiglia brasiliana  per ogni bambino Brasiliano. Quando ciò non è possibile, allora viene dato il permesso per l'adozione a una famiglia straniera. Abbiamo qualche difficoltà a trovare una famiglia per i bambini di più di 6 anni e con bisogni speciali. Nella sola Rio de Janeiro abbiamo più di 200 famiglie che aspettano di adottare un bambino. Comunque c'è sempre una forte preferenza per bambini di razza caucasica appena nati, bambine e/o bambini che abbiano meno di  5 anni.

Quli sono i 'miti' riguardo all'adozione che tu ritieni più comuni?

Cynthia Ladvocat – Abbiamo sempre a che fare con alcuni miti con le famiglie adottive, i bambini adottati, gli operatori e la cultura in generale. Uno di questi miti è l'importanza attribuita ai legami biologici e il contatto con la famiglia biologica. I genitori adottivi evitano qeusti contatti perché teme che se un bambino chiede dei 'veri' genitori significa che lui/lei non è felice con la sua famiglia adottiva. Di frequente le famiglie adottive pensano che la famiglia di origine debba essere nascosta, dimenticata e se possibile che non la si nomini né se ne parli. Io lavoro con i genogrammi e un genitore adottivo di solito non parla della sua origine. Perciò io chiedo alle famiglie di disegnare una mappa con la storia della famiglia adottiva e la storia della famiglia biologica. Se la famiglia adottiva   ignora la sua storia biologica, lavoro con le fantasie della famiglia e dei bambini. Il periodo di prova adottivo è importante per far emergere argomenti, paure, segreti e miti sull'adozione. Parlare, affrontare e avere a che fare con questi aspetti è un importante obiettivo nella psicoterapia con le famiglie adottive.

Ho sentito che molte persone che vengono per adottare vorrebbero dei bambini con 'la pelle bianca'. Che cosa ne pensi ?

Cynthia Ladvocat - Nella mia esperienza è vero che molte persone preferiscono adotare bambini con la pelle bianca. Ma noi cerchiamo sempre di incoraggiarli ad adottare bambini di altre razze e non solo bambini bianchi. Ho lavorato con famiglie che avevano adottato un bambino non bianco e ho visto che le famiglie potevano avere a che fare senza problemi con questi bambini. Non è il colore che decide il futuro di una famiglia.

Cosa pensi del follow up dei casi? Quali sono le ute aspettative riguardo agli operatori italiani ed europei che lavorano con le famiglie adottive? Pensi che sarebbe opportuno tnersi in contato con loro?

Cynthia Ladvocat – Credo che il lavoro pre e post adozione sia la migliore cosa da fare. Alcuni operatori fanno il loro lavoro durante il processo adottivo e quando il bambino la bambina va con la sua nuova famiglia, smette di vedere la famiglia. Io preferisco vederli per un anno e fare una visita catamnestica una volta l'anno nell'anno successivo. Nella mia esperienza, quando inizia l'adolscenza è utile controllare come la famiglia sta affrontando certe nuove questioni riguardo all'adozione.

Come affrontate il problema delle culture diverse, da voi? Un mito, fra noi, è che i Brasiliani hanno trovato una soluzione al problema del conflitto culturale. E' vero?

Cynthia Ladvocat -Noi lavoriamo in tutto il paese, ovunque.  In Brasile abbiamo 60 gruppi che hanno l'obiettivo di cambiare la cultura dell'adozione. Il 25 Maggio  – Il Giorno dell'Adozione, c'è stato un grande convegno sull'adozione con più di 800 partecipanti.  Questi gruppi  sono in costante contatto e rappresentano un punto di riferimento per questo argomento  in Brasile.

Grazie per il tuo contributo, è molto interessante per il sito e per i visitatori. Spero che ci terremo in contatto in futuro e potremo lavorare insieme.


*Cynthia Ladvocat

Rua General Venancio Flores 305 sala 905

Leblon 22441-090

Rio de Janeiro – Brazil

Office Phone: 55 21 2274 9295

E-Mail: cyladvocat@plugue.com.br

 


home[2].gif (2465 byte)

nextpage[1].gif (2635 byte)