wpe1.jpg (2591 byte)


Introduzione alle civiltà indigene d'America
di Alessandra Guigoni*



Note geografiche
Il continente americano é formato da due sub-continenti: l'America settentrionale e l'America meridionale, unite da un lungo sistema di istmi penisole e arcipelaghi (Antille) che formano l'America centrale. I due sub-continenti si estendono dal mar glaciale artico allo stretto di Magellano. Il continente é bagnato dal mar glaciale artico a nord, dall'oceano Pacifico a ovest dall'oceano Atlantico a est. La superficie é di 42.080.474 kmq.

stolo.gif (4330 byte)

Popolazione
In America settentrionale vi sono oltre 350 milioni di abitanti, in rapido accrescimento, naturale e a causa delle migrazioni; gli indigeni sono ridotti a circa 1 milione in U.S.A. e Canada e poco più di 12 milioni negli altri stati; solo nel Guatemala costituiscono ancora la maggioranza della popolazione. Più numerosi sono i meticci, nucleo della popolazione messicana e di altri paesi dell'America centrale continentale (circa 30 milioni). Esiguo il numero di eschimesi e aleuti. I neri, discendenti dalla popolazione di schiavi importati nei secoli XVI-XIX sono molto consistenti negli USA, insieme ai mulatti e a Cuba e Portorico, nelle altre isole Caribiche, dove rappresentano la quasi totalità della popolazione. La popolazione dell'America meridionale ammonta a circa 300 milioni di abitanti: è costituita per circa la metà da bianchi, creoli discendenti dei coloni spagnoli, portoghesi e dei recenti immigrati (tra cui italiani). Gli amerindi sono meno di 20 milioni, concentrati in Paraguay, Bolivia, Perù; in nuclei modesti in Ecuador, Guiane, Amazzonia. Assai più consistenti i meticci. Quasi un terzo della popolazione é formato poi da neri, mulatti e zambos (incroci tra neri e amerindi) specialmente in Brasile e Venezuela.


Lingua ed etnia
Per ciò che concerne lingua ed etnia degli amerindi, è valida la classificazione in 8 gruppi etnici: eschimo-aleuti, dakota o pellirosse, californiani o sonoriani, appalacidi o margidi, pueblo-andini, amazzonici, patagonici o pampidi, fuegini. Lingue e dialetti sono tradizionalmente suddivisi in più di 150 famiglie.
(Dati tratti dall'Enciclopedia Universale Garzanti)


Maya.jpg (21690 byte)


Breve storia delle civiltà precolombiane
Il popolamento dell'America è abbastanza recente; esso si fa risalire a circa 40000-30000 anni fa, da parte di cacciatori nord-siberiani, che attraversarono a piedi lo stretto di Bering. L'agricoltura risale all'incirca a 6000-5000 a.C., la ceramica è assai più recente (3000 a.C.). Nel 2000 a.C. in Perù sono state rinvenute tracce d'oro, lapislazzuli e oggetti litici martellati. I veri e propri primi oggetti in oro risalgono al IX-VIII secolo a.C. e appartengono alla cultura di Chavin de Huantar. I manufatti in oro in Colombia si trovano dal I sec. a.C, in America centrale dal III sec. d.c., in mesoamerica dal 700d.C..
Nella I Fase (litica, 30000 a.C. - 6000 a.C.) avvenne il popolamento globale dell'America tramite lo stretto di Bering, avanzando a piedi dall'Alaska alla terra del Fuoco, in un tempo presumibile di circa 15000-20000 anni. L'America era popolata da cacciatori, l'industria litica ricordava quella nord-asiatica.
La fine fluttuante della II fase (arcaica, 6000 a.c 3000/2000/1800 a.C.) dipende della presenza o meno di una economia agricola ben sviluppata e della ceramica. Ad esempio in Perù già alla fine del IV millennio ci sono centri monumentali di adobes. Manca la ceramica ma l'agricoltura è embrionale. L'agricoltura in mesoamerica si data prima dal 6000 a.c al 2500 a.C.; la formidabile triade fagiolo-zucca-mais, giusto equilibrio di carboidrati e proteine, ha permesso la crescita della popolazione e di conseguenza il mutamento della società da agricola a urbana in tempi brevi. In sudamerica, nella fase arcaica si coltiva la patata e il mais; si pesca con piroghe fatte di canne o leggero legno di balsa nell'oceano, si addomesticano i lama, si coltiva e si filano il cotone e la lana ricavata da lama, guanaco e alpaca.
La III fase (formativa, 2000 a.C. circa 200-300 d.C. circa) e' caratterizzata dalla nascita di culture più complesse, stratificate, da una relativa abbondanza delle scorte alimentari, dall'edificazione di templi e piramidi. Va detto che l'architettura monumentale è concentrata in un territorio relativamente ristretto: Mesoamerica (Guatemala e Messico), Ande centrali (Bolivia e Perù), in tono minore il sud est e il sud ovest degli USA.
Due le civilta' madre nella III fase: l'Olmeca, nel golfo del Messico, e Chavin de Huantar, nel Perù centro-settentrionale.
La civiltà madre olmeca nasce nel Golfo messicano, negli stati del Veracruz e del Tabasco, nei bassopiani caldo-umidi paludosi. Caratteristici dell'architettura sono i centri cultuali dotati di piattaforme sopraelevate e di strutture piramidali in argilla ricoperte di pietre piatte, oltre alle magnifiche teste (cabezones) alte fino a 2.5 m e pesanti sino a 14 tonnellate, rappresentanti in modo realistico individui tipologicamente diversi. Nella scultura a tutto tondo prevalgono divinità antropomorfe con tratti felinoidi, realizzate in basalto, giada, pietra vulcanica e calcarea, oppure nani, deformi, obesi o bimbi, giocatori di pelota, spesso felinoidi. Sono stati rinvenuti anche specie di giocattoli con ruote, segno che sebbene la ruota fosse conosciuta presso i mesoamericani non veniva usata, forse per la mancanza di bestie da soma. L'edificazione di centri cerimoniali, l'uso delle piramidi come base templare, la classe sacerdotale organizzata, il sacrificio umano, la scrittura e il calendario glifico passarono dagli Olmechi ai Maya e agli altri popoli mesoamericani. A la Venta, capitale degli Olmechi (il termine deriva dalla lingua azteca che denominava questa regione olman, ossia terra del caucciù) vi sono molte di queste teste colossali. Altri centri sono Tres Zapotes e S.Lorenzo, dove gli edifici sono orientati e sorgono molti monoliti.
Sugli altopiani andini, a 3177 m, c'è l'area monumentale di Chavin de Huantar (1300 a.C.-500 a. C.). L'unico punto di contatto tra le due civiltà é il culto preminente accordato al felino, rappresentato nelle iconografie. Il centro di Chavin diede l'impulso a molte opere di terrazzamenti, canalizzazioni agricole, indispensabili in un territorio così accidentato. Il complesso è costruito in un luogo ideale per osservare il movimento degli astri; inoltre è alla confluenza tra due fiumi, per chiari motivi di culto e liturgia delle acque. La divinità maggiore è raffigurata nel tempio vecchio, seminterrato, sul Lanzon (lancia) di 4 m d'altezza, conficcato nel suolo: il volto è quello di un essere antropo-felinoide corrucciato, con crini di serpente. Gli edifici erano orientati verso est; il sito è composto da diverse piazze e templi, risalenti a epoche successive. Una divinità molto importante era il "dio degli scettri", riprodotto in molti monumenti, tra cui la stele Raimondi, che prima di essere trasportata al Museo Archeologico di Lima serviva da tavolo ad un contadino del luogo; su di essa è raffigurato un dio con due scettri culminanti in teste di serpente. Le ceramiche comprendono vasi globulari, coppe, bottiglie, che ritroveremo, come forme e colori, un po' in tutto il sud America.
Va ricordata a questo punto anche la cultura di Tiahuanaco,che influenzò le civiltà classiche andine (600 d.C. - 1000 d.C.). La divinita' principale di Tiahuanaco, il "dio della porta del sole", ricorda molto da vicino il dio degli scettri di Chavin, sebbene le due civiltà siano separate da quasi due millenni di storia.
La IV fase (classica, I sec. d.C. - X sec. d.C. circa) segnò lo sbocciare delle maggiori civilta' amerinde tra i quali Teotihuacan e Maya, in area mesoamericana e la cultura di Tiahuanaco (Bolivia) in area andina. In Mesoamerica c'è la civiltà di Teotihuacan (il cui nome significa "luogo in cui si diventa dei") che ci ha lasciato la più grande città amerinda, ben 22 Km quadrati a circa 50 Km da Città del Messico, dotata di due splendide piramidi: della Luna e del Sole, quest'ultima alta ben 60 metri; la civiltà maya, la più alta di tutta l'America precolombiana, che si estendeva dal Messico meridionale al Guatemala, al Belize, all'Honduras, al Salvador occidentali. Nelle Ande centrali è l'apogeo della cultura di Tiwanaku o Tiahuanaco, che influenzò come abbiamo detto le altre civiltà classiche andine dal punto di vista culturale fino al 1000 d.C.. Nella zona sud est USA fiorì la civiltà classica dei Mounds, giganteschi cumuli di terra, della "cultura delle foreste orientali". All'arrivo degli europei però questa civilta' era già in declino e c'era la cultura dei Natchez, presso la foce del Missisipi , che ne perpetuava in tono minore le caratteristiche.
Nella zona sud-ovest USA c'era la civiltà dei Pueblos, antica e longeva: costruivano grandi edifici a più piani con accesso dal tetto o dalla terrazza tramite scalette, in adobe, mattoni d'argilla cotti al sole, in posizione difensiva o fortificati. Coltivavano mais, fagioli, zucche e adoravano il dio sole come i mesoamericani. Questa cultura era solo parzialmente in vita all'arrivo degli Europei (1600).
Nella V fase postclassica (X sec. d.C. circa - prima metà XVI sec. d.C. circa) c' e' la testimonianza di uno stato di guerra un po' dovunque: alcune città appaiono fortificate. Scendono in Messico dal nord America i Chichimeca, barbari che portano guerra e distruzione ma, a contatto con i più evoluti popoli mesoamericani, danno impulso a nuove civiltà: l'azteca, la mixteca la huaxteca. Ascendono in meno di 2 secoli le civiltà azteca in Mesoamerica e incaica in Perù, conquistando territori vastissimi, in pochi decenni.

westernindia.jpg (26215 byte)


Breve storia della scoperta dell'America
I Vichinghi furono i primi Europei a sbarcare in America Settentrionale. Gli uomini di Leif Eriksson, giunti in Groenlandia nel X secolo, occuparono il territorio a nord-est di Terranova, "Vinland". I rapporti con gli indiani degenerarono rapidamente (gli indiani sono forse gli "skralling" di cui parlano le saghe nordiche) e si scatenò la violenza: lo testimoniano le numerose punte di freccia d'osso lasciate sul luogo in cui si erano insediati i Vichinghi.
L'America venne riscoperta nel 1492 da C.Colombo, il quale giungendo alle Bahamas ritenne di essere giunto a Cipango, antico nome dato al Giappone. Egli non riconobbe mai apertamente l'autonomia geografica del continente. Il fiorentino Amerigo Vespucci, agente dei Medici alla corte spagnola, esplorò il Brasile e tornò costeggiando l'Africa, affermò che l'America era una terra nuova. Perciò ebbe l'onore del nome, su proposta di un cartografo tedesco nel 1507 .
I portoghesi, che avevano intuito la portata della scoperta, convinsero il papa a concedere loro preziose leghe americane col trattato di Tordesillas. La bolla papale di Alessandro VI, Borgia e spagnolo di nascita, la famosa "Inter caetera", fissava una linea immaginaria che andava da Polo a Polo, una sorta di meridiano che doveva segnare il confine d'influenza tra terre scoperte da Spagnoli e da Portoghesi, rispettivamente a ovest e a est di essa (370 leghe verso ovest, a partire dalle Isole di CapoVerde). Nel frattempo si esplorava il nord America ad opera di Francia, Olanda e Inghilterra grazie a G. Caboto, nato a Genova ma naturalizzato veneziano (1497-98) che fu il primo a raggiungere il nord America, scoprendo Labrador e Terranova e toccando l'attuale costa di Boston e New York. Si andava delineando la vastità del continente, che molti ritenevano doppio, ma il passaggio all'oceano Pacifico, che metteva in contatto con l'Asia, non si trovava.
Il primo ad affacciarsi sul Pacifico fu Vasco Nunez de Balboa che nel 1513, accompagnato da un indigeno, attraversò l'Istmo di Darien e vide l'immenso oceano. Il canale di Panama verrà aperto solo nel 1915, dopo trent'anni di lavori.
Chi scoprì il passaggio a sud-ovest fu Ferdinando Magellano, un portoghese tenace che pagò con la vita l'ardita missione, morendo a causa di un tafferuglio alle Molucche (Filippine). La cronaca del viaggio fu fatta da Pigafetta, uno dei pochi sopravvissuti. Magellano doppiò anche il Capo di Buona Speranza in sud Africa, e fu il primo a circumnavigare il mondo.

nazca.gif (21761 byte)


La conquista
A) la conquista in America settentrionale
Agli inizi del XVI secolo Caboto, J. Fernandez, G. da Verrazzano e J. Cartier scandagliarono le coste, perlustrarono le baie e risalirono i fiumi. La ricchezza di pesce, al largo di Terranova, affascinò Francesi e Inglesi. Gli indiani barattarono pellicce di lontra e castoro con coltelli, vestiti usati, acquavite e pane specialmente con i Francesi.
Nel 1539 gli indiani della Florida videro sbarcare gli Spagnoli, comandati da Hernando de Soto, che con i suoi uomini trasmise loro il vaiolo. Nel 1534 gli Irochesi incontrarono il francese J. Cartier che aprì la via nel golfo S. Lorenzo agli insediamenti della monarchia francese; Quebec sorse nel territorio di Algonchini e Uroni.
Più a sud nel 1607 venne fondata dagli Inglesi la prima città, Jamestown. Nel 1609 H. Hudson risalì il fiume che porta il suo nome e sotto l'egida olandese fondo' la futura Albany, sull'isola di Manhattan. Nel 1620 200 puritani inglesi fondarono il primo centro nel New England, mentre poveri coloni olandesi affollavano New Amsterdam (New York).
Nel 1608 a Jamestown in Virginia, Wahusonacock, capo della confederazione Powhaton, offri' in moglie la propria figlia Pocahontas (12 anni) a John Smith, condannato a morte dagli indiani, e gli salvo' così la vita; non è che uno dei tanti tentativi di convivenza pacifica.
Si scatenarono guerre a causa del fanatismo religioso e dell'avidità dei bianchi che erano sicuri del loro diritto di possedere la terra su cui coltivavano e abitavano. Per gli indiani invece la terra non era di nessuno. Per tutto il 1600 si combatte' e si fecero tregue, deboli alleanze che duravano poco.
Dal 1730 le tribù Natchez del basso Mississipi, Fox e Sioux dei Grandi Laghi si ribellarono, vistisi minacciati dall'avanzata inesorabile dei coloni verso il Far West. Nel 1763 Luigi XV abbandono' alla Corona britannica i possedimenti francesi d'oltre mare dopo sette anni di guerra, ma le tredici colonie erano ancora più avide di terra e dopo la guerra contro la sovranità inglese e il trattato di Versailles (1783) che sanciva l'indipendenza degli Stati Uniti d'America, l'espansione verso ovest (il mitico Far West) fu irresistibile. In poco più di un secolo tutti gli indiani persero le loro terre e furono rinchiusi e ghettizzati nelle riserve.
B) La conquista spagnola nei territori dei Maya e degli Aztechi
La conquista e la distruzione della cultura maya fu veloce e spietata. Molti codici su cui erano scritti storia, miti e letteratura, furono bruciati dalle autorità religiose, in quanto opera del diavolo: ci rimangono preziosi frammenti, ma nulla più.
Già nel 1502 Colombo durante il suo 4° viaggio aveva incontrato un'imbarcazione dei Maya del Peten ed era stato il primo europeo ad entrare in contatto con i Maya. Nel 1511 dodici naufraghi spagnoli raggiunsero con una scialuppa le coste dello Yucatàn: caduti prigionieri dei Maya alcuni furono sacrificati, altri si ammalarono e morirono. Strana la vita. Solo due sopravvissero: erano il marinaio Gonzalo Guerrero, che in seguito divenne acerrimo nemico degli Spagnoli, e il frate Geronimo de Aguilar, interprete di Cortes. Al 1517 risale la prima spedizione ufficiale in terra Maya, che riportò all'Avana (Cuba) una cassetta di splendidi gioielli. Giunse infine Cortes all'isola di Cozumel e li proclamò sudditi del re di Spagna. Di lì a poco iniziò il progressivo smantellamento della cultura indigena; bruciare i loro scritti, distruggere i loro idoli significava "deculturarli", operando una sorta di violento lavaggio del cervello; seguirono le stragi gratuite, le malattie e gli stenti che decimarono questo popolo .Oggi i discendenti dei Maya sono mal tollerati sia dal governo messicano che da quello guatemalteco.
La conquista azteca fu rapidissima. Vuoi per la superiorità delle armi spagnole, vuoi perché molti regni sudditi degli Aztechi si ribellarono e diedero man forte ai conquistadores, vuoi perché uccidere Moctezuma fu come uccidere lo spirito del popolo azteco. Infatti quando Cortes entrò a Tenochtitlan e uccise il re divino atzeco Moctezuma nel 1521, gli Aztechi subirono un tracollo psicologico: Monteczuma era il simbolo del regno, dei loro dei e morendo lui venivano a morire tutte le divinità, il loro universo.
C) La conquista in Perù
In Perù la conquista fu più difficile. All'arrivo degli Spagnoli era appena terminata una guerra civile tra i due figli di Huaina Capac (1493-1527): l'Inca Huascar e l'Inca Atahualpa. Per circa 40 anni i discendenti degli Inca opposero una resistenza fatta di guerriglie e azioni disturbative. Pizarro dopo l'assassinio di Huascar per ordine di Atahualpa, catturò l'Inca e lo uccise. Il 15 novembre 1533 gli Spagnoli fecero il loro ingresso al Cuzco e misero sul trono Manco Capac, fratello di Atahualpa. Per tre anni sopportò le angherie degli Spagnoli e di essere capo di un governo fantoccio, ma nel 1536, esasperato, incendiò la capitale (Cuzco) e si rifugiò nelle montagne di Vilcabamba, dove rifondò l' impero Inca, in piccolo. Assassinato dagli Spagnoli nel 1545 gli successe il figlio Sairi Tupac, cui successe Titu Cusi (1560-71).
Nel 1572 fu conquistato anche il piccolo regno e catturato e decapitato l'ultimo Inca peruviano, Tupac Amaru. Finiva così la gloriosa resistenza degli indios, in un bagno di sangue; ma il nome e le gesta di Tupac Amaru non sono state dimenticate e ancor oggi hanno un sapore leggendario ed eroico sulla bocca degli indios.
Di lì a poco sarebbero giunti in Europa l'oro di Aztechi e Inca, pronto per essere fuso e reso moneta suonante; il cacao, il tabacco, il mais, la patata, i fagioli e i fagiolini, l'ananas, l'avocado e il pomodoro, artefici di una silenziosa rivoluzione alimentare e culturale. Sarebbero giunte le parole amare del frate Bartolomeo de Las Casas, primo grande amico degli amerindi, e le menzogne dei conquistadores, intenti a giustificare e santificare un genocidio senza precedenti (soprattutto per lo sfruttamento degli indios, impiegati in modo disumano prima delle miniere d'argento di Zacotesas e Guanajuato in Messico e del Potosì in Bolivia, poi nei campi di cacao e cotone, infine nelle obraje, i tristemente famosi laboratori tessili)
Quando fu decimata la popolazione indigena iniziò a proliferare il mercato degli schiavi neri, che andavano a rimpiazzare gli indigeni nelle miniere e nei campi dei latifondisti europei, ma questa è un'altra storia.
(Questo seminario è stato tenuto all'Università Regionale della III Età di Cagliari nel Novembre 1995)



Bibliografia generale consigliata
J.Parry, Le grandi scoperte geografiche. Il Saggiatore economici,1994.
C.W.Ceram, Civiltà sepolte, Einaudi, 1970.
AAVV, Le grandi scoperte dell'archeologia. De Agostini, 1981.
H.C. Puech, Le religioni dei popoli senza scrittura. Laterza, 1987.
E.Cerulli, Le culture arcaiche oggi. Utet, 1986.

Siti

AnthroNet-Database antropologico a cura di T. White, che comprende più di 40.000 siti di interesse antropologico, accuratamente censiti. URL: http://anthro.net/  
Anthropology resources on the Internet - Curato da B.O. Clist, forse il più noto sito web sull'antropologia. Molta americanistica. URL: http://perso.club-internet.fr/bclist/Anthro/  
AnthroTech - The WWW Virtual Library Anthropology -Curato dal E. Lee, offre anche una newsletter mensile "AT Digest" che informa su novità, convegni, libri ecc. URL: http://vlib.anthrotech.com/ 
Centro Internazionale Studi America Indigena (Siena)- Il CISAI è coordinato da L. Giannelli, C. Greppi, A. Melis, e M. Squillacciotti, docenti della stessa università. Il settore etnoantropologico offre testi e immagini sui Cuna del Panama, e una sezione di link dedicati ai popoli nativi dell'America centrale. Indirizzo: http://www.unisi.it/ricerca/centri/cisai/  
Centro per lo Studio delle Letterature e delle Culture delle Aree Emergenti - Il Centro del CNR, di cui è direttore S. Zoppi ha attiva una sezione iberica e latinoamericana, appoggiata alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Milano. URL: http://users.unimi.it/cnrmi/presentazione.htm
Consejo Europeo de Investigaciones Sobre América Latina (CEISAL) - Sito della struttura francese interuniversitaria, che raggruppa oltre 50 tra associazioni e centri di ricerca di oltre 18 paesi, e promuove lo sviluppo delle ricerche europee in campo latinoamericano dal punto di vista delle scienze umanistiche e sociali. In francese. URL:  http://www.univ-tlse2.fr/amlat/ceisal/index.htm  
Circolo Amerindiano (centro studi americanistici) Ha sede a Perugia. Organizza seminari, convegni. http://www.amerindiano.cjb.net/
Cuba, una cultura in movimento- Sito curato dall'antropologo americanista Dr. C. Nobili sulla società e cultura cubana, si avvale di numerose collaborazioni ed è costantemente in crescita. URL: http://carlo260.supereva.it/
EIDETICA -Sito di antropologia culturale, dedicato soprattutto all'americanistica, a cura di G. Tescari antropologo, docente dell'Università di Torino. URL: http://www.cisi.unito.it/eidetica
Halfmoon -Dedicato alla scrittura maya, i cui segreti sono spiegati in modo semplice, grazie anche alle ricche illustrazioni. In inglese.URL: http://www.halfmoon.org/  
Mesoamerican Archaeology WWW -Page Ottimo punto di partenza per ricerche aventi per oggetto le civiltà mesoamericane. Il sito contiene informazioni e link aggiornati su vari temi archeoantropologici. In inglese. Indirizzo: http://copan.bioz.unibas.ch/meso.html  
NAYA - Sito argentino, prevalentemente in spagnolo; costituisce un database archeoantropologico, newsletter, notizie e informazioni su seminari e convegni per tutto il Sud America. Pubblica anche la rivista elettronica Noticias de Antropología y Arqueología. URL: http://www.naya.org.ar 
Native Culture -Ampio sito dedicato ai Nativi americani. In inglese.URL: http://www.nativeculture.com/home/
Soconas Incomindios- Solidarietà con i popoli -L'associazione, che a sede a Moncalieri (TO), è diretta da N. Clerici, docente dell'Università di Genova. Pubblica la rivista Tepee e si occupa di diverse attività culturali. URL: http://www.cisi.unito.it/progetti/soconas/benv1.htm
WEDA (World Email Directory of Anthropologist) -Database a cura di H. Jarvis; contiene oltre 5000 nominativi di antropologi di tutto il mondo; il curatore ha messo a punto un ottimo strumento di ricerca per trovare esperti e studiosi di tutte le branche dell'antropologia, anche americanistica. URL: http://wings.buffalo.edu/academic/department/anthropology/weda/    
The WWW Virtual Library - Native Americans -Sito dedicato ai popoli nativi americani, ricco di risorse e link utili. URL: http://www.hanksville.org/NAresources/  


*Alessandra Guigoni, antropologa, ricercatrice presso l'Istituto di discipline socio-antropologiche dell'Università di Cagliari www.etnografia.it


home[2].gif (2465 byte)

nextpage[1].gif (2635 byte)