Copy of 00unita5.gif (2639 byte)


ray116.jpg (48824 byte)

‘Post-modern’ approach   

and evolution of the 

systemic movement in Italy.

Sandra Braunert (1)

 

This article presents considerations which I developed in a dissertation in completion of my studies in psychology (2). The interest in systemic therapy was stimulated in a seminar of the psychological faculty at the Freie Universität Berlin. Although the subject of the seminar, i.e. discussing the innovative approach offered by the volume 'Systemic Therapy with Individuals' (3) of Bertrando and Boscolo (4) already supplies information about the evolution of the 'Milan model', I felt some aspects of the topicality in the representation existing in Germany and presumably also in other countries (relating to the recent developments of hypothesis) in the field of systemic therapy in the Italian context were not being sufficiently considered. In consequence I began to collect information about the most interesting developments of systemic therapy in Italy, where I have studied one semester at the psychological faculty in the University of Padova.

While in Italy the theoretical-clinical systemic approach changed a lot in recent years, in Germany the Italian 'family therapy' with its basic principles, hypothesizing, circular questions, neutrality influenced by the original group of Milan around Selvini Palazzoli and others (5) is still in the centre of interest.
The goal of the present article is to show changes in today's systemic therapy in Italy, presented from an external point of view, whereby only individual trends can be regarded, which probably do not represent in total the development of the entire systemic movement in Italy.

Examining recent works dealing with Italian systemic therapy one can notice an increasing interest of ideas standing out against the original systemic-cybernetic approach more fitting to be arranged in the framework of a movement, which I dare to define as a whole by the term 'post-modern'.
Not all systemic therapists take part in this development and many still feel comfortable in the 'classical' systemic paradigm. Nevertheless, there is a tendency of ever more therapists to describe themselves as 'post-modern' or 'narrative', or, at least, they sympathise with a 'post-modern' point of view.

Those systemic therapists, who strive for a renewal of traditional concepts of systemic therapy, are above all connected with names like Luigi Boscolo and Gianfranco Cecchin, known as 'Milan Associates' or 'Milan Group' in the Anglo-Saxon world, bringing about vivacious transformations into the systemic scene due to their innovative clinical practice and various recent publications. Many other important therapists are working in Milan, Bologna, Genoa, Turin along the line of the 'Milan group' which is also called 'di Via Leopardi'.
Moreover, with regard to therapeutic practice, there are more systemic therapists, who are signalling a new understanding of systemic therapy, like, for example, the group around   Andrea Mosconi, Mauro Gonzo e Manuela Tirelli (6), who are active at a Public Health service in the province of Vicenza and in service of family therapy inside the psychiatric sector of the Public Health office of Padova or the group around Pietro Barbetta, Gabriela Gaspari Boi and Cecilia Edelstein in Bergamo and many others. They pursue the current debate in the systemic movement, paying it particular attention by analysing not only theoretical implications, but at the same time in regards to the afore mentioned background, by adding their experiences in practice. In this way they are proving that a reorientation within the systemic therapy has its effects in a changed therapeutic practice.

Therapeutic concepts still are and will probably continue to be in the near future based on the systemic model, but also seem increasingly oriented to methods which can be attributed to the so-called 'narrative' approach. Psychotherapy, which becomes 'conversation', is gaining increased attention together with further acknowledgement and significance of language in therapy.

What is to be understood by a 'narrative approach'? White and Epston (7), who introduced the narrative approach to family therapy, proceed by following Foucault (8) and his idea that 'narrations' already dominating a social context are instruments of power, producing verities, which are not only objective statements about humans or human relations, but constructions to which verity is attributed, by which such the life of humans might be determined. In psychotherapy the 'narrations' and 'stories' are also seen as subjective descriptions, explanations of events which constitute the plot and the sense of experience in the life of individuals, families and systems. The narrative approach in systemic therapy takes up these 'narrations' or 'stories' inside human systems. Therapy thereby is seen as a process of reconstruction of these stories according to a model giving less importance to pathological symptoms and instead trying to be more functional for clients and their families.

The turn for post-modern thinking in systemic therapy therefore consists in an increasing shift from a cybernetic model to a point of view which includes 'post-modern' approaches like 'narrativism', e.g. in the sense of the therapists White and Epston, without completely discarding formerly valid methods.

At this point it appears necessary to describe the basic ideas of the so-called postmodernism. In the sixties and seventies, first in the United States, post-modern topics were discussed in areas of architecture, literary criticism and sociology. At that time some ideas which later were merging in postmodernism have been suggested by French philosophers like Lyotard (9), Derrida (10) and Foucault (11), who became the most important authors of reference, while in the eighties the idea of postmodernism gained general attention in Europe.

As a basis for a definition of the term postmodernism I consider useful the reflections of the German postmodern theoretician Wolfgang Welsch (12). He regards 'plurality' as the 'heart word', or less pathetically expressed, as the 'keyword' of postmodernism. Postmodernism stands for an end to the wish for unity and wholeness of 'modernism'. Postmodernism means not to believe anymore in 'meta-narrations', but to accept a diversity of narrations, which between themselves may be inconsistent. The dissolution of the unit-conceptions is a precondition for the post-modern idea of plurality. A man or woman thinks post-modern, when he/she is - beyond of the obsessions of unity - conscious of an irreducible variety of forms of language, thinking and living and if he/she knows how to deal with it. According to Welsch, 'postmodernism' cannot be located in any given historical context. Postmodernism is not to be understood as one epoch after modernism, which in its turn is characterised by a rational and scientific discourse which requires ideas demanding universal validity. Instead it should rather be considered as a changed adjustment or as an 'attitude of mind'.

At this point the gap could be breached between our reference to systemic therapy and the concept of postmodernism. In systemic therapy an attitude of mind can be observed, which constitutes the basis of re-orientation of systemic therapy in Italy. The idea of 'plurality', which we have defined as the focus of postmodernism, seems to be of great relevance also to the Italian systemic therapy. The same is true of the concept of 'attitude', which now, as remains to be seen, plays a significant role for the therapist.

Following this up, I would like to call attention to which extent Italian literature of systemic therapy increasingly refers in a precise way to the pioneers of post-modern thinking such as philosophers like Lyotard, Derrida, Foucault and Wittgenstein (13). Furthermore during the past few years the systemic approach has nurtured and still nurtures an increasing interest for 'narrativism', an interest which is closely connected with post-modern thinking such as has been developed by narrativists like the Australian and Newzealandian therapists Michael White and David Epston.

The importance of language - another theme relevant in postmodernism - for therapy is being acknowledged in a particular manner by Boscolo and Bertrando (14). Similar to the narrative position of White and Epston, Boscolo and Bertrando (15) consider the therapeutic process as a process of 're-narration' of stories, whereby clients can discover the possibility and their ability to be producers of stories, which to them then attain a positive meaning and reduce their suffering or at least give them a new sense regarding their suffering.
In consistence, their recent conception of systemic therapy, described in their book 'I tempi del tempo' ('The times of the time') (16) , in which the dimension of time plays a central role, goes back to views of postmodernism. Boscolo and Bertrando have become aware of the importance of the relation between time and change in expectations from clients and therapists. From this starting-point of reflection, they consider human and therapeutic relationships in the perspective of time, which comes into operation besides other innovative perspectives like the 'narrative' perspective. Considering their book (mentioned above) it could be said, that Boscolo and Bertrando conceive time as an important variable in psychotherapy, like has been 'relationship' for Bateson, 'power' for Haley and 'Libido' for Freud.

From here they proceed on the assumption that all clients have problems with time, because they are not able to develop in harmony before a given background of simultaneousness. Lack of such co-ordination is (according to them) the cause of problems and symptoms. Time is often regarded by clients in a linear-causal way: The past brings along certain loads and thereby determines the present and the future. Therapy consists in introducing a reflexive relationship between the three dimensions of time by creating a hypothetical past and a hypothetical future, while living in the present. Thereby it is made possible that ups and downs, repeating compulsive acts and blockades dissolve and that time flows again freely.

The merits of Boscolo, Cecchin and other important Milan authors like Bertrando, Telfener and others is that they are not anymore insisting on universal validity of 'systemic' paradigm to the establishment of which they themselves had contributed. Now they rather show flexibility by permitting a variety of views and perspectives, which they do not regard alternatively but complementary to the systemic model. In doing so Boscolo and Bertrando (17) are taking a view decidedly post-modern, if they write that the therapist should have the liberty to step out of the orthodoxy and go on to use elements from other theories - provided that he is aware of it - in order, if he considers it to be correct, to return then to his own theories. In this way his practice becomes suppler and more versatile.

The ability not only to refer strictly to one's own models and taught conceptions, but if necessary also to integrate ideas from other approaches (for example in the case of a therapeutic impasse), is also demanded by Gianfranco Cecchin. He calls for an attitude in which to ignore established ideas of therapy and let oneself be guided of one's own repertoire of ideas and not submitting himself to a therapeutical dogmatism. He appeals to therapists to free themselves of determined conceptions and choose their own methods. To successfully pursue this objective, Cecchin suggests to assume an attitude of 'irreverence' (18): the therapist behaves irreverently towards established conceptions and dogmatic instructions concerning therapy.

In order not only to discuss the reorientation of the systemic therapy in Italy not only on a purely abstract and theoretical level in the thesis mentioned above, opinions from expert practitioners of systemic therapy, who are working in various fields in services and private centres, were also consulted using brief interviews via e-mail. Those who have encouraged my efforts by answering, the group around Mauro Gonzo furthermore has declared itself willing to make transparent their concept of practice in terms of a post-modern perspective.

Mauro Gonzo, referring to Boscolo and Bertrando, characterizes the application of post-modern thinking to practice of systemic therapy insofar as the contents of therapy is to tell or to write anew the told stories, which clients and their families are telling or have been telling during therapy. These stories are often cyclic, obstructing and static stories, because they always revolve around the same problem, without any perspective of development or change in the future. Assuming this perspective the therapist derives his therapeutic action, which directs toward returning to the stories their flexibility and development toward the future. The clients are to be encouraged to think of themselves in new terms and to develop other roles alternatively to those which were adopted so far and have contributed to the development and maintenance of problems and symptoms. In this sense, the metaphor of 'to tell stories anew' or 'to write stories anew' the stories of clients and their families the narrative approach represents an evolution of systemic therapy, even though it does not derive from systemic thinking as such.

According to Gonzo, Mosconi and Tirelli (19), who in the beginning of their book convey an image of the evolution of systemic thinking and practice, the postmodernism allows for a new perspective in social and human sciences and thereby influences the practice of systemic intervention.

The authors remind that in systemic therapy increasingly the term of 'conversation' is used, in order to describe the therapeutic interaction. The systemic interview, to which they have dedicated in particular their reflections, has been extended and thus has been advanced by focusing the attention to a context of conversation, in which the narrations and stories of clients are playing a decisive role. 'Narrations' or 'stories' are nothing but subjective descriptions or interpretations of events, of individual fates, of intentions and of myths, supplying meaning to the life of humans. In this way narrativism becomes applied to practice and accentuated in therapy above all in the sense that it overcomes the rationalistic and empirical point of view that 'reality' could be described in an objective or impartial manner.

It seems to be more promising to reflect together with the client, how narrative construction of meaning can lead to a subjective perception of reality, which is represented in form of a 'history' or a 'story'. Thus, telling stories is considered a process, during which the subjective sense of the own story is being created.

The difference between family therapy since the times of 'paradoxon and counterparadoxon' and present practice of systemic therapy can be characterized as follows: Originally operated basically with relationships and their communicative samples (according to pragmatics of human communications), nowadays it concentrates more on their meanings, that is to say on the contents of communication.
This focus shift to 'meanings' implies that the therapist pays attention to how persons tell their own story. For example the therapist's attention would be concentrated on the way of telling, meaning for example, if a client speaks only in the past form or uses also the present or future form. The therapist also focuses attention on the 'plot' of the told 'story' which indicates how the 'story' will develop further in the near future or - to speak more metaphorically - what will happen in the next chapter of a life script.

By creating an open dialogue, more and better development of relations between humans become possible, because the dialogue is no more abiding fixed rules, but it responds in a flexible manner to presented problems, the interests and the client's level of comprehension. During a 'conversation' the language is being considered and examined, speaking for itself of the particular perception of the client, meaning how he perceives his reality, his environment and his relationships. The therapist avoids expressions which risk to stigmatise him in a pathological manner, avoiding to use a way of speaking, which describes feelings and behaviour in terms of expectations, delusions and hope.

Gonzo, Moscono and Tirelli agree with characterising this attitude of the therapist by so-called 'therapeutic curiosity' (20) which Cecchin has developed as an alternative to the classical concept of 'neutrality'. An attitude of 'curiosity' enables the therapist to free himself of the obligation to supply assertions concerning the functioning or 'non'-functioning of the system in counselling, but to create descriptions and interpretations in an open dialogue with the clients. The therapeutic process is much more characterised by a continuous exchange of ideas about connections and differences and in this way it offers an opportunity for modification and development.

In my view it is noteworthy how Mauro Gonzo connects a post-modern way of thinking to his therapeutic practice in a public service (institute of family counselling), which can be considered by enumerating some elements definable as 'post-modern'. For example it could be said that his therapeutic activity takes place on a micro level, which means, he focuses on what is local, insignificant and ordinary and has to do with the biographies of clients, rather than aiming at a great progress in the scientific sphere. The goal is not to look for example for general causes of schizophrenia or other grave disorders like bulimia or anorexia and to prove them scientifically. More than establishing scientific ideas of general character, the interest focuses in practical aspects and their direct utility for the client, also in more general cases, like adolescent problems and women concerned with an interruption of pregnancy. Nevertheless, the scientific and classical methodology is not completely refused, but is continued to be applied (e.g. questionnaires, statistics, collecting data), but only in a reduced way ,'softly' so-to-speak in regard of results and goals.

Practice in a post-modern sense accepts the use of various psychotherapeutic approaches (systemic, psychoanalytic, cognitive, narrative) but without abandoning the systemic approach. Elements of various therapeutic concepts can exist side by side, providing the therapist is conscious of his responsibility and the risks of power and social control in his relationship to clients.

Generally speaking is to be remembered that the post-modern way of thinking can only be partially applied to some schools of systemic therapy in Italy. A lot of schools still keep themselves distant from the discussion of post-modern ideas in systemic therapy or they criticize the reference of systemic therapy to postmodernism. For example, the school of Mara Selvini Palazzoli, now guided by Stefano Cirillo, Matteo Selvini, Anna Maria Sorrentino and others after the retirement of the foundress, refer to the scientific approach more 'classical' and continue to be interested in studies of family models describing psychopathological syndromes. Nevertheless they also demand - though in a changed mode - the restitution of the early systemic premises of the group of 'Paradoxon and Counterparadoxon' (Selvini Palazzoli - Boscolo - Cecchin - Prata). The group integrated in its practice contributions of research work from outside family therapy, like for example the psychodynamic approach. And pointing out another example, research coming from the domain of cognitivism has in particular strongly influenced the work of Valeria Ugazio21, who teaches in Turin and was influenced by her experiences of 'Via Leopardi'.

There exists a strong impression that in general a lot of Italian systemic experts and therapists still believe for different reasons in the validity of the cybernetic metaphor. To some of them the reference to postmodernism rather seems to represent an attempt to sketch something new for the systemic model than to be taken seriously as an important deeply rooted movement. At times the post-modern movement is criticised as a fashion in order to conceal a supposed slackening and missing force of innovation of systemic movement occurring in Italy. It might indeed become a risky fashion, if it comes to be acknowledged as a unique model of reference only. But even if the critics of post-modern ideas seem sometimes to favour to call therapy a 'conversation' and to think of it as a 'narration', they do not intend to give up their systemic origin, which continues to give excellent impulses for work and reflection. Nevertheless an increasing number of systemic therapists is inspired by the narrative approach and post-modern thinking in general.

According to postmodernism, it is the 'text' which forms the foundation of 'reality' and not vice versa: the significance of text can be tracked down only by using hermeneutic procedure, like a play refracting in mirrors, multiplying possible interpretations and meanings, without a possible attribution of a 'final' sense to them. (22) The 'history' or various 'stories', with which humans organise their experiences and emotions around a 'text' and in this way attribute a sense to their perceptions, form a central point of reference of therapeutic practice.
The philosophical conception of postmodernism, in particular under the influence of M. Foucault has suggested a 'deconstructive' criticism of discourse and has confronted within this code political implications of clinical practices. Anyhow, postmodernism has developed a set of 'deconstructive' techniques, which can well be used in clinical practice directly with clients and has in view to attack the position of power of the therapist in his relationship with clients. The post-moderns do examine the therapists with their social function of control and normative value in distinguishing between 'illness' and 'health' in mind. The patient or client is defined as sick and/or socially deviant in a clinical context and by the language attributed to him, a language of medicine, even for the sphere of human behaviour.

In any case, a critical revision of the original systemic model became necessary, considering interaction in counselling as an instructive interaction, meaning to procure a situation, in which it has become possible to provoke in a strategic way an expected change at the bottom of the characteristics of the family system itself.

The work of revision was in particular achieved by the group around Boscolo and Cecchin, who in the eighties strove for a profound and systematic renewal of the systemic model, which led for example to new concepts of 'curiosity', 'irreverence'. 'time', 're-narration of stories' etc. They basically carry on in referring to the systemic model, but at the same time are very interested to explore the meaning of narrativism for the systemic therapy. In pursuing this goal, they develop their own model in an original way.

The assumption that the therapist could be able to know, to foresee and to change the family system and to 'control' the therapeutic interaction with clients or with the family systems, has been the 'target' which the experts of 'via Leopardi' were questioning and putting up for discussion.
In order to meet this challenge, the therapist begins to assume in his new clinical practice an attitude of 'irreverence', according to G. Cecchin, towards taught models of how to deal with clients problems; models which tend to give an illusion to know the families and their reactions; to be a therapist able to manipulate human systems.
'Irreverence' in contrast is an attitude of the therapist, which we can define as a 'reflecting attitude' that permits him to act without falling victim to the illusion to exert social control. But despite all efforts the therapist often cannot avoid to become an instrument of social control. But if, for example, the therapist behaves irreverent toward the system of a psychiatric hospital, without clashing directly with its structures, but avoiding for himself and for his patients to become victims of its repressive and sometimes deceiving mechanisms, he probably will contribute to maintain a certain measure of flexibility in a socially determined and controlled context. As explains Cecchin: to be efficient, the therapist has to act inside of the system of psychiatric institutions, by accepting its suppositions for the moment, but without letting himself definitely to be integrated by them.

Regarding development of systemic therapy in a post-modern sense, it should not be assumed that a complete change has occurred, that the systemic paradigm is substituted by the narrative paradigm. The post-modern thinking within the systemic movement represents an 'attitude of mind' accepting a plurality of competitive paradigms in one and the same conception of theory and practice. On the one hand it imparts the impression that each therapist develops his own style in an eclectic sense. On the other hand it is true that systemic therapists are using a variety of models to develop an individual course, instead of aiming at a consent for a common concept of systemic therapy and of trying to produce new 'Copernican revolutions' like the change from the psychoanalytical to the systemic paradigm.
Their reorientation is reflected - in the words of Welsch - in an 'attitude of mind', which can be called 'post-modern'. The postmodernism resolves - to use the concept of Cecchin - in an 'attitude of curiosity'. Such an attitude accepts the plurality of different viewpoints and ways of thinking of clients. The therapist aims to create a context which meets the subjectivity of each singular person and which offers a therapeutic atmosphere in which different considerations can be exchanged in an open dialogue. By creating his own style of therapy, the therapist tries to find orientation in the particularity and originality of each problem brought into therapy by clients. Therefore the post-modern idea offers a meta-theory which permits an unusual view toward the therapeutic process unknown until now, acquiring an attitude that can offer more possibilities to perform efficient therapeutic practice in different situations.

As already mentioned, therapists themselves further accentuate their systemic identity and develop new ideas independently of the systemic paradigm without however wanting to replace it. This phenomenon which we have characterized as post-modern, others consider as a paradigm of 'complexity'. The paradigm of 'complexity', which has strongly influenced the field of systemic therapy during the eighties and nineties, has been developed by Von Bertalanffy (theory of systems), I. Prigogine (thermodynamics of non-equilibrium), H. Marturana and F. Varela (autopoiesis), E. Morin (sociology and theory of science) in the domain of so-called 'hard' sciences like physics, astronomy etc. Systemic therapists now have been trying to apply the paradigm of complexity to human systems.

According to Umberta Telfener (23) 'complexity' is an approach which regards the dynamics of situations and the events of natural and social systems. It is an attitude of someone who regards himself actively in his relation to consciousness, who does not observe anymore a simple phenomenon and does not consider himself a simple subject, but acknowledges the composed character of reality and refrains from the idea of neutrality, objectivity and verity in self-awareness of reality.

U. Telfener specifies the significance of the paradigm of complexity as follows: different models of psychotherapy are like interpretative lenses, instruments, maps, in order to better approximate to psychological reality. A paradigm is not objectively better or more correct than another paradigm. Each paradigm constitutes one of the possible interpretative lenses of psychological reality. For U. Telfener, who personally disagrees with the idea of post-modernism in psycho-therapy, is still valid the metaphor of complex systems. She believes that an adoption of narrativism is coherent with an systemic approach, provided that it will not be considered as the unique metaphor talking about therapy. She thinks that in the systemic approach to speak about narration and to use various metaphors in order to describe symptoms and the therapeutic process is not only possible but also desirable.

In a certain way there is a parallel between the idea of complexity and post-modern thinking: the goal surely cannot be to sketch a universal model, which meets the complexity of phenomena. Its concern is to set up and apply a network of theories and models, which help as a framework within the paradigm of complexity.
The essential difference all the same between these both approaches is that the approach of 'complexity' refers to a paradigm which has developed in the scientific sphere, while the post-modern idea does not represent a paradigm but rather an attitude, as has been discussed above - which does not aim to constitute new axioms which replace formerly constituted axioms.

In conclusion, deliberating all introduced ideas until now, the question arises: on which fundamentals theory and practice of systemic therapy in Italy are founded at the present time? At this point I would like to let Bertrando and Biancardi (24) speak for themselves. To them particularly the context of systemic therapy has fundamentally changed. To them it is a subject which has lost any claim on objectivity. It is a matter of a radically subjective context which is at the same time intersubjective and in this sense still systemic. In any case, it is dealing with a pluralistic context which takes in consideration different levels, different points of views whose versions cannot be unified, with narrations that are not be shortened and with different dimensions of time and stories.



1. Graduated in psychology at Freie Universität Berlin
2. The work has been possible thanks to the collaboration of the systemic therapists Mauro Gonzo and Umberta Telfener, whom I thank a lot.
3. Boscolo, L., Bertrando, P. (1996) Terapia sistemica individuale. Raffaello Cortina Editore, Milano
4. Centro Milanese di Terapia della Famiglia, called 'di Via Leopardi'
5. Selvini Palazzoli M. (1975) Paradosso e controparadosso. Feltrinelli, Milano
6.Gonzo, M., Mosconi, A., Tirelli, M. (1999) L'intervista nei servizi sociosanitari: Uno strumento conoscitivo e d'intervento per gli operatori. Raffaello Cortina Editore, Milano
7. White, M., Epston, D. (1989) Literate Means to Therapeutic Ends. Adelaide (Australia): Dulwich Centre Publications.
8. Foucault, M. (1966) L'ordre du discours. Paris, Gallimard
9. Lyotard, J.F. (1986) Das postmoderne Wissen. Ein Bericht. Wien: Böhlau/ Passagen
10. Derrida, J. (1967) De la grammatologie
11. Foucault, M. (1966) L'ordre du discours. Paris, Gallimard
12. Welsch, W. (1997) Unsere postmoderne Moderne. Akademie Verlag, Berlin
13. Wittgenstein, L. (1953) Philosophische Untersuchungen. Oxford, Basil Blackwell
14. Boscolo, L., Bertrando, P. (1993), (1996)
15. Boscolo, L., Bertrando, P. (1996) Terapia sistemica individuale. Milano, Raffaello Cortina Editore.
16. Boscolo, L., Bertrando, P. (1993) I Tempi del Tempo: una nuova propettiva per la consulenza e la terapia sistemica. Torino, Bollati Boringhieri.
17. Boscolo, L., Bertrando, P. (1993)
18. Cecchin, G., Lane, G., Ray, W.A. (1992). Irriverenza. Tr. it. Franco Angeli, Milano 1993
19. Gonzo, M., Mosconi, A., Tirelli, M. (1999) L'intervista nei servizi sociosanitari : Uno strumento conoscitivo e d'intervento per gli operatori. Milano, Raffaello Cortina Editore
20. Cecchin, G. (1987) Hypothesizing - circularity - neutrality revisited: an invitation to curiosity. Family Process, 26, pp. 405-413
21. Ugazio, V. (1998) Storie permesse e storie proibite. Bollati Boringhieri, Torino
22. Moreover, if we accept the concept of 'text' or 'story' as a distinctive form of post-modern practice and whether some feel themselves at least partially represented by the term postmodernism or, whether some feel not, all Italian schools of systemic therapy have inevitably been influenced by the new post-modern view (Gonzo, Mosconi, Tirelli; 1999).
23. Clinical psychologist, professor at the school of specialisation in psychology at the University ‚La Sapienza' of Rome, teacher at the ‚Milan school of family therapy'
24. Bertrando e Bianciardi (1998) 'Sistema' e 'contesto' nell'epoca del testo. Connessioni - Rivista di consulenza e ricerca sui sistemi umani - numero 3, p. 7



Approccio ‘postmoderno’ ed evoluzione del movimento sistemico in Italia. (ITAL.)

Sandra Braunert (1)



Il presente lavoro riassume alcune considerazioni che sono state da me sviluppate in una tesi di laurea in psicologia (2). Il mio interesse per la terapia sistemica é nato a partire da un seminario alla Facoltá di Psicologia presso la 'Freie Universität' di Berlino. Anche se l'innovativo approccio offerto dal volume 'Terapia sistemica individuale' di L. Boscolo e P. Bertrando (3), che già fornisce ragguagli sull'evoluzione del 'modello milanese', era proposto come oggetto di discussione nel seminario, mi sono resa conto di una carenza d'informazioni esistente in Germania e in altri paesi rispetto ai recenti sviluppi della assunti dalla terapia sistemica nel contesto italiano. Da qui ha preso spunto il mio desiderio di informarmi sugli sviluppi più interessanti della terapia sistemica in Italia, paese dove ho anche trascorso un semestre di studio alla Facoltà di Psicologia presso l'Università di Padova.

Mentre in Italia l'approccio teorico-clinico sistemico si è molto evoluto durante gli anni scorsi, in Germania si parla ancora piuttosto della 'terapia della famiglia' influenzata dal gruppo originario di Milano con Selvini Palazzoli e altri (4), i cui principi-base erano ipotizzazione, circolarità, neutralità.
Lo scopo di quest'articolo, ora, consiste nel tentativo di delineare un quadro della terapia sistemica in Italia nella sua situazione attuale a partire da un punto di osservazione esterno, dal quale tuttavia soltanto alcune tendenze potranno essere considerate, e probabilmente in modo non del tutto rappresentativo del movimento sistemico in Italia nel suo complesso.

Quando si esaminano i recenti scritti italiani sulla terapia sistemica, si nota un crescente interesse verso l'emergere di idee che contrastano rispetto al modello originario sistemico-cibernetico e che si inseriscono piuttosto nell'ambito di un movimento che potrei tentare di definire complessivamente con il temine 'postmoderno'.
Non tutti i terapisti sistemici partecipano a questo sviluppo e molti si trovano ancora a loro agio nel paradigma sistemico classico. Cionostante, c'é una tendenza secondo la quale sempre più spesso accade che i terapeuti si definiscano 'postmoderni' o 'narrativi', oppure che almeno simpatizzino col pensiero postmoderno.

I terapeuti più nettamente impegnati in un rinnovamento dei concetti tradizionali della terapia sistemica sono principalmente quelli in relazione con Luigi Boscolo e Gianfranco Cecchin (5), noti nel mondo anglosassone come i 'Milan Associates' o 'Milan Group', che apportano numerosi e vivaci cambiamenti nella scena sistemica attraverso le loro pratiche cliniche innovative e diverse recenti pubblicazioni.
Molti altri importanti terapeuti lavorano a Milano, Bologna, Genova, Torino nella scia del 'gruppo di Milano' detto anche 'di Via Leopardi'. Inoltre, riguardo alla pratica terapeutica, ci sono terapeuti sistemici che segnalano una nuova comprensione della terapia sistemica attraverso il loro intervento locale, come per esempio il gruppo intorno a Andrea Mosconi, Mauro Gonzo e Manuela Tirelli (6), che sono attivi nel Servizio Sanitario Pubblico della provincia di Vicenza e nel Servizio di Terapia Familiare all'interno del settore psichiatrico dell'Ulss di Padova o il gruppo di Pietro Barbetta, Gabriela Gaspari Boi e Cecilia Edelstein a Bergamo, o vari altri. Essi seguono con grande attenzione il dibattito corrente nel movimento sistemico analizzando allo stesso tempo le loro esperienze a livello di prassi in relazione a questo dibattito. Si nota da segnali come questi che un nuovo orientamento della terapia sistemica si riflette anche in una pratica terapeutica che è cambiata.

I concetti terapeutici sono ancora, e lo saranno nel prossimo futuro probabilmente, basati sul modello sistemico, ma sempre più spesso appaiono orientati verso metodologie che possono essere attribuite all'approccio 'narrativo'. La psicoterapia, che diviene 'conversazione', riconosce in misura crescente l'importanza e la significatività del linguaggio in terapia.

Ma cos'è l''approccio narrativo'? White e Epston (7), che hanno introdotto l'approccio narrativo nella terapia della famiglia, prendono orientamento da Foucault e dall'idea che le 'narrazioni' che predominano nel contesto sociale sono strumenti di potere, atti a produrre 'verità'. Anche in psicoterapia le 'narrazioni' e le 'storie' sono descrizioni soggettive, spiegazioni degli eventi e costituiscono la trama e il significato dell'esperienza di vita delle persone, delle famiglie e dei sistemi. Mediante il loro apporto viene interpretato l'agire sociale e comunicativo degli individui. L'approccio narrativo all'interno della terapia sistemica esamina queste 'narrazioni' o 'storie' all'interno dei sistemie umani e concepisce la terapia come un processo nel quale avviene la ri-costruzione di queste stesse storie secondo un modello meno patologico e più funzionale per i clienti e le loro famiglie.
Il riferimento al pensiero postmoderno si costituisce a partire dallo spostamento realizzatosi dal modello cibernetico a un punto di vista che includa idee postmoderne, quali il 'pensiero narrativo', anche senza essere tuttavia che il modello cibernetico venga completamente superato.

A questo punto, ha senso caratterizzare meglio, per linee essenziali, l'idea di 'postmoderno'. Le idee postmoderne sono state introdotte negli Stati Uniti a partire dall'ambito dell'architettura, della critica letteraria e della sociologia in un periodo fra gli anni '60 e gli anni '70. Nello stesso periodo alcune idee che poi confluiranno nel postmodernismo erano state proposte dai filosofi francesi come Lyotard, (8) Derrida (9) e Foucault (10), che diventereanno gli autori di riferimento più importanti, mentre negli anni ottanta il pensiero postmoderno ha assunto un interesse comune in Europa.
Come base di definizione per il termine 'postmoderno' adotterò le riflessioni del teorico postmoderno tedesco Welsch (11). Considera 'pluralità' come 'parola cuore', o, per dirlo in un modo forse meno patetico, come 'parola chiave' del postmoderno. Il postmoderno rappresenta la fine dei desideri di unità del 'moderno'. Postmoderno significa che non si crede più a 'meta'-narrazioni; si accetta invece una pluralità di 'narrazioni' che tra esse stesse possono anche essere contradittorie. La dissoluzione dell' idea di unità è una condizione preliminare dell'idea di 'pluralità', la quale costituisce il focus del postmoderno.
Postmoderno è il modo di pensare di chi - al di là dell'ossessione per unità - è cosciente della irriducibile varietà di forme del linguaggio, del pensiero e dei modi di vita e di chi è in grado di gestire tutto questo. Secondo Welsch, il 'postmoderno' non può essere situato in un contesto storico. Il postmoderno non può essere preso come un epoca dopo il moderno, il quale, da parte sua, è caratterizato da un discorso razionale e scientifico, che sollecita concetti di validità generale. Anzi, il postmoderno viene considerato come un cambiamento di attitudine, di 'atteggiamento mentale'.

A questo punto, si può tentare di gettare un ponte tra il nostro riferimento alla terapia sistemica e il concetto di 'postmoderno'. Anche nella terapia sistemica si osserva un atteggiamento mentale, il quale costituisce la base del nuovo orientamento della terapia sistemica in Italia.
Il concetto di 'pluralità', che abbiamo definito come il nocciolo del postmoderno, sembra essere di grande rilevanza anche per la terapia sistemica. Lo stesso vale per il concetto di 'attitudine', concetto che ora, come vedremo, gioca un ruolo significativo per il terapeuta.
E' degno di nota - a mio avviso - anche come nella letteratura sistemica in Italia ci si riferisca in modo preciso a coloro che sono considerati i pionieri della visione postmoderna come Lyotard, Derrida, Foucault e Wittgenstein (12).
L'ottica sistemica ha nutrito in questi ultimi anni e nutre tuttora un crescente interesse per la 'narratività', interesse che risulta strettamente legato a quello per il pensiero postmoderno, nel modo in cui essa è stata sviluppata dai narrativisti come il australiano e neozelandese Michael White e David Epston (13).
L'importanza del linguaggio - altro tema assai rilevante nel postmodernismo - all'interno della terapia viene particolarmente riconosciuta da Boscolo e Bertrando (14). In modo similare alla visione narrativa di White e Epston, Boscolo e Bertrando considerano il processo terapeutico come un processo di 'ri-narrazione' delle storie: "In esso, i clienti recuperano la possibilità e la capacità di essere autori, tramite l'interazione con il terapeuta, di storie positive per sé, che attenuino la sofferenza o perlomeno le diano un senso." (15)
Inoltre, più in generale, la loro concezione recente di terapia sistemica, descritta nella loro opera "I Tempi del Tempo" (16), in cui la dimensione temporale gioca un ruolo centrale, si riallaccia al pensiero postmoderno. Boscolo e Bertrando si sono resi conto dell'importanza della relazione fra tempo e cambiamento nelle aspettative di clienti e terapeuti. A partire da quel momento, vedono le relazioni umane e le relazioni terapeutiche attraverso la prospettiva del tempo, che è conseguente e si affianca alle altre prospettive innovative adottate come quella narrativa. Si potrebbe dire, leggendo la loro opera, che Boscolo e Bertrando considerano il tempo come una variable altrettanto importante in psicoterapia quanto lo erano la 'relazione' per Bateson, il 'potere' per Haley o la 'libido' per Freud.

Essi partono dall'idea che i clienti che chiedono la terapia per i loro problemi hanno difficoltà con il tempo, perché non riescono nel compito di svilupparsi in armonia con altri. "Frequentemente i nostri clienti hanno una concezione lineare del tempo, secondo cui il passato determina il presente e pone potenti vincoli sul futuro. Una possibilità di innescare il cambiamento è creare un contesto che possa agire sulle premesse deterministiche dei clienti, così da favorirne la creatività." (17) L'intervento terapeutico ha lo scopo di introdurre un'anello autoriflessivo tra le tre dimensioni del tempo. "La presentificazione del passato e del futuro nella relazione terapeutica ha lo scopo di introdurre circolarità e flessibilità nel sistema, così che scompaiano le oscillazioni, le coazioni a ripetere, i blocchi, e il tempo possa riprendere a fluire liberamente."

Il merito di Boscolo, Cecchin e altri importanti autori milanesi come Bertrando, Telfener e molti altri è che essi non insistono sulla validità universale del paradigma sistemico, che essi pure avevano contribuito in modo determinante a stabilire, ma dimostrano ancora una volta una grande flessibilità, accettando una varietà di visioni e prospettive, le quali sono considerate tra di esse non alternative, ma tutte complementari nella visione sistemica.
Boscolo e Bertrando assumono una posizione decisamente postmoderna quando scrivono: "Vi troverà anche, d'altra parte, tecniche e interventi che non appartengono a quel metodo (di Milano), ma ad altre concezioni terapeutiche; ebbene, quei momenti non ortodossi erano voluti e coscienti: riteniamo che il terapeuta possa uscire dall'ortodossia usando elementi di altre teorie, purché ne sia cosapevole, e possa rientrare, quando ritenga opportuno, nella propria ortodossia. Il suo lavoro diventa così più duttile e sfaccettato." (18)

L'abilità di non ricorrere rigidamente ai propri modelli e alle proprie idee, ma se necessario, di integrare elementi delle altre concezioni terapeutiche (per esempio quando si sia entrati in un vicolo cieco terapeutico), viene anche sottolineata da Gianfranco Cecchin: egli fa un appello ai terapeuti a liberarsi della propria ortodossia e a lasciarsi guidare dal proprio repertorio di idee, non sottomettendosi a un dogmatismo terapeutico. Cecchin propone perciò di assumere un'attitudine di 'irriverenza' (19) secondo cui il terapeuta si mantiene irriverente nei confronti concezioni stabilite e idee dogmatiche rispetto alla terapia.

Al fine di non discutere il nuovo orientamento alla terapia sistemica in Italia su un livello solamente teoretico e astratto, è stata consultata anche l'opinione di alcuni terapeuti sistemici esperti che agiscono in vari campi nei servizi e in centri privati, attraverso delle brevi interviste via e.mail.
Tra quelli che hanno risposto alla nostra sollecitazione, il gruppo intorno a Mauro Gonzo si è mostrato disposto a rendere trasparenti i concetti utilizzati nella pratica terapeutica da una prospettiva postmoderna.
M. Gonzo, sulla scorta di Boscolo e Bertrando, caratterizza l'applicazione del pensiero postmoderno nella pratica della terapia sistemica come un processo in cui si tratta di 'ri-scrivere' o 'ri-narrare' le 'storie' dei clienti e delle loro famiglie, storie che sono spesso cicliche, bloccate, statiche, a causa del fatto che ruotano eternamente attorno al problema, senza uno sviluppo verso il futuro. Occore quindi ri-dare uno sviluppo verso il futuro a queste storie. Il cliente deve diventare capace di pensare a sè stesso in termini nuovi, di concepire per sé stesso un ruolo diverso rispetto a quello di cliente che ha sempre avuto, e attraverso il quale ha continuato a sviluppare e mantere i problemi e i sintomi. In questo senso, a suo parere, la metafora di 'riscrivere' o 'rinarrare' le storie dei clienti e delle loro famiglie derivata dall'approccio narrativo rappresenta un'evoluzione della terapia sistemica, anche se non esce dal pensiero sistemico in quanto tale.
Secondo Gonzo, Mosconi e Tirelli (20), che nel loro volume tracciano inizialmente un riassunto dell'evoluzione del pensiero e della pratica sistemiche, "il postmoderno stesso incoraggia una nuova prospettiva interpretativa e narrativa nelle scienze sociali e umane, che non mancherà di influenzare la pratica di intervento sistemica nel fornire diverse letture e punti di vista nel rapportarsi ai fenomeni".
Come ricordano gli autori, da un certo punto in poi, si inizia ad usare il termine 'conversazione' per descrivere l'interazione terapeutica. L'intervista sistemica - a cui è dedicata in particolare la loro riflessione - si è ampliata e in essa l'attenzione si sposta verso un contesto di conversazione, nel quale le narrazioni e le storie del cliente giocano un ruolo significativo. "Le 'narrazioni' o 'storie' altro non sono che descrizioni soggettive, o spiegazioni, degli eventi, del destino individuale, delle intenzioni, dei miti che forniscono il significato alla vita delle persone, delle famiglie e dei sistemi; mediante il loro apporto viene interpretato l'agire sociale e comunicativo degli individui." (21)
La narratività viene messa in pratica ed enfatizzata all'interno della terapia soprattutto nel senso che si vuole amplificare l'idea che non si può descrivere oggettivamente la 'realtà' da un unico punto di vista, razionale ed empirico.
E' più utile invece riflettere assieme ai clienti su come la costruzione dei significati all'interno nella narrazione può condurre a una percezione soggettiva della 'realtà' che viene rappresentata sotto forma di una 'storia' o 'narrazione'. Raccontare le storie è considerato come un processo, durante quale viene a costituirsi il senso soggettivo della propria storia. La differenza tra la terapia della famiglia dei tempi di 'Paradosso e controparadosso' e la terapia sistemica d'oggi sta nel fatto che mentre una volta si lavorava principalmente sulle relazioni e sui pattern comunicativi (pragmatica della comunicazione), ora si lavora di più sui significati (cioé sui contenuti della comunicazione).
Sui 'significati' vuol dire su come ciascuno racconta a se stesso la propria storia (ciascun membro della famiglia o il cliente); ciò vale anche per le modalità narrativa, se ad esempio il soggetto parla solo al passato, o usa dei verbi al presente o al futuro, e poi com'è la 'trama' di questa storia, che cosa è previsto nel prossimo futuro (o prossimo capitolo) ecc.
Nella terapia, creando un 'dialogo aperto' è possibile fornire maggiore possibilità di sviluppo personale del cliente, non appena il terapeuta non orienta più il proprio intervento in base a regole fisse, ma inizia a reagire in maniera flessibile ai problemi, agli interessi e al livello del cliente. Nella 'conversazione' viene preso in considerazione ed esaminato il linguaggio, il quale di per sé stesso esprime la percezione del cliente, il modo in cui il cliente vede sua realtà, il suo mondo e le sue relazioni.
Tenendo conto del rischio dell'etichettatura', il terapeuta evita di usare espressioni che confermano la designazione in termini di malattia o disabilità; egli descrive invece sentimenti e comportamenti in termini di aspettative, delusioni, speranze.
Gonzo, Mosconi e Tirelli sono d'accordo con un atteggiamento del terapeuta caratterizato da una 'curiosità terapeutica' (22), concepita da Cecchin come un'evoluzione rispetto al concetto sistemico di 'neutralità'.
La 'curiosità terapeutica' consente al terapeuta di liberarsi dall'obbligo di dover fornire delle 'spiegazioni' riguardo al funzionamento o non-funzionamento del sistema in consultazione, ma crea descrizioni e interpretazioni in un dialogo aperto con l'utente.
Il processo terapeutico è piuttosto caratterizzato da un scambio continuo che si muove tra connessioni e differenze e in questo modo offre una opportunità di trasformazione e sviluppo.
Interessante, dal mio punto di vista, è come M. Gonzo collega il pensiero postmoderno con il suo concreto operare all'interno di un servizio pubblico (il consultorio familiare): egli ritiene che si possano elencare alcuni elementi definibili come 'postmoderni'. Ad esempio che si può dire forse che la sua pratica si riferisce a un livello 'micro', cioé tende ad enfatizzare ciò che è locale, piccolo, quotidiano ed ha a che fare con le storie delle persone, anziché proporsi come obiettivo grandi 'progressi' in campo scientifico.
Lo scopo non è di ricercare, per esempio, le cause generali della schizofrenia o di altri gravi disturbi come bulimia e anoressia e di provarne la validità scientificamente, ma di interessarsi piuttosto agli aspetti pratici e di utilità immediata per le persone, anche nel contesto di casi molto più comuni, come i problemi adolescenziali o delle donne che interrompono la gravidanza.
Cionostante, la metodologia e la strumentazione scientifica 'classica' non vengono negate, ma anzi impiegate in modo costante (per es. questionari, raccolta dati, statistiche, confronti numerici sulla casistica). Solamente, però, in formato ridotto a livello numerico e, per così dire, 'dolce' rispetto ai risultati e alle finalità.
Una pratica nel senso postmoderno si costituisce attraverso l'utilizzo di differenti ottiche in terapia e spunti presi da diverse discipline (sistemica, psicoanalitica, cognitivista, narrativa) senza di abbandonare il pensiero sistemico. Ciò presuppone l'idea che possano esistere più verità che non si escludono a vicenda. Elementi di vari approcci terapeutici possono coesistere l'uno accanto all'altro, a condizione che il terapeuta sia cosciente della sua responsabilità e dei rischi di potere e controllo sociale che egli si assume nel suo rapporto coi clienti.

Il termine 'postmoderno' può essere applicato solo in parte alle diverse scuole di pensiero sistemico in Italia. Alcune di esse sottoscriverebbero in buona parte tale definizione, altre non si sentirebbero di sottoscriverla ritenendosene lontane.
Ad esempio, la scuola di Mara Selvini Palazzoli, ora portata avanti da Stefano Cirillo, Matteo Selvini, Anna Maria Sorrentino e altri dopo la scomparsa della fondatrice, si rifà all'approccio scientifico più 'classico' ed è interessata principalmente allo studio dei modelli familiari per la cura delle diverse forme psicopatologiche. Anche questa scuola ha sfidato - in modo diverso - le premesse sistemiche iniziali del gruppo di 'paradosso e controparadosso' (Selvini Palazzoli- Boscolo- Cecchin - Prata). In particolare ha sviluppato l'idea dell'individuo all'interno della terapia familiare, visto nella sua storia specifica che si dipana nel tempo in modo diacronico; l'idea delle motivazioni individuali che trovano un senso nel 'gioco familiare'. Ha anche accolto l'apporto di altri canali di ricerca esterni alla terapia familiare, come quello psicodinamico o quello delle ricerche inglesi sull'attaccamento. In tal senso, accetta a livello implicito l'idea postmoderna delle diverse sfaccettature della verità scientifica.
Anche le ricerche provenienti dal campo del cognitivismo hanno avuto una influenza molto forte, in particolare su Valeria Ugazio (23), che insegna a Torino e proviene dall'esperienza di Via Leopardi.

Secondo la mia impressione, in generale, molti gruppi sistemici italiani ritengono per molti aspetti ancora valida la metafora cibernetica. Per alcuni di essi, il riferimento al postmoderno in voga sembra più un modo per dire qualcosa di nuovo che invece un movimento che ha radici profonde. Talvolta il movimento postmoderno è reputato più una moda che un cambiamento paradigmatico; una moda dannosa se ritenuta l'unico modello di riferimento.
Anche se questi terapeuti sono favorevoli a chiamare la terapia una 'conversazione' e a pensarla, tra l'altro, come una narrazione, non intendono però rinunciare all'ottica sistemica che continua a dare ottimi spunti di lavoro e riflessione.

Cionostante ci sono sempre più sistemici che si ispirano all'approccio narrativo e alle idee postmoderne in generale
Secondo il postmodernismo, il 'testo' è ciò che sta alla base che è fondativo rispetto al reale e non viceversa: il significato di un testo è rintracciabile solo a partire dall'ermeneutica, che, come in un gioco di rifrazione di specchi, moltiplica le possibili interpretazioni e si significati senza che si possa giungere tuttavia a un senso 'ultimo' (24). La 'storia' o le molteplici 'storie' o 'descrizioni' attraverso cui noi costruiamo una coerenza all'interno della nostra esistenza organizzandola attorno a un 'testo' e attribuendo così significato alla nostra esperienza, rimangono quindi i punto di riferimento nell'analisi.
Il concetto filosofico del post-modernismo, in particolare, sulla scorta di Foucault, ha proposto quindi una critica 'decostruttiva' al 'discorso' ed ha affrontato in questa chiave le implicazioni politiche delle pratiche cliniche.
Il post-modernismo ha sviluppato una serie di tecniche decostruttive che vengono applicate nella pratica clinica diretta coi clienti e mirano a intaccare la posizione di potere del terapeuta nel rapporto col cliente. I postmodernisti mettono in guardia il terapeuta riguardo alla sua funzione sociale di controllo e al valore normativa della distinzione tra 'malattia' e 'salute'. Il paziente infatti viene definito malato e/o socialmente deviante nel contesto della clinica e attraverso il linguaggio usato, linguaggio che si rifà alla medicina, pur nel campo dei comportamenti umani.

Era in ogni caso necessaria una revisione critica del modello sistemico classico che considerava l'interazione terapeuta-sistema in consultazione come un'interazione 'istruttiva', cioè come una situazione in cui era possibile provocare in modo strategico un cambiamento prevedibile in base alle caratteristiche del sistema familiare stesso. Questa revisione venne effettivamente condotta soprattutto nel gruppo di Boscolo e Cecchin, gruppo che si sforzò nel corso degli anni '80 di condurre una rivisitazione profonda e sistematica, che condusse al nuovo concetto di curiosità, all'uso del tempo in terapia, all'enfasi sulle descrizioni, sulle storie in base a cui i pazienti davano significato alla loro vita, sui pregiudizi e sulla conversazione; alla nuova importanza conferita al linguaggio, al concetto di irriverenza e così via. Si può dire che il gruppo di Boscolo e Cecchin è molto interessato agli sviluppi della narratività e del postmodernismo in quanto tali, pur relaborandoli in modo proprio ed originale.

La supposizione che le ipotesi del terapeuta siano in grado di conoscere, prevedere e di cambiare il sistema familiare e di 'controllare' l'interazione terapeutica con il cliente o con il sistema familiare, era il 'target' che i terapeuti di via Leopardi volevano colpire e mettere in discussione.
Per evitarlo, il terapeuta inizia ad assumere nelle nuove pratiche cliniche un atteggiamento di 'irriverenza', come dice G. Cecchin, riguardo ai modelli appresi su come trattare i problemi dei clienti, modelli che gli creavano l'illusione di poter conoscere la famiglia e le sue reazioni; di essere un 'esperto' in grado di manipolare i sistemi umani. L'irriverenza è un atteggiamento del terapeuta che potremmo definire di 'posizione riflessiva', che gli permette di agire senza essere vittima d'illusione del controllo, malgrado al fine tutti gli sforzi del terapeuta non possano evitargli di essere strumento del controllo sociale. Se, ad esempio, un terapeuta si comporta in modo irriverente verso l'ospedale psichiatrico, senza scontrarsi direttamente con la struttura, ma evitando per sé stesso e per il paziente di essere vittima dei suoi meccanismi repressivi e mistificanti, probabilmente contribuisce a mantenere una certa misura di flessibilità in un ambiente socialmente determinato e controllato. Al di fuori del macrosistema psichiatrico e della salute mentale non è possibile agire, come ben spiega Cecchin : il terapeuta per essere efficace deve agire dentro il sistema, accettandone momentaneamente i presupposti, senza però mai farsi inghiottire in modo definitivo da esso.

Riguardo allo sviluppo del pensiero sistemico in senso postmoderno, non si dovrebbe pensare che si tratta di un cambiamento in cui il paradigma sistemico viene sostituito dal nuovo paradigma narrativo. Il pensiero postmoderno nel movimento sistemico rappresenta un 'atteggiamento mentale' che accetta una pluralità delle idee anche contraddittorie nel proprio modo di pensare e lavorare.
L'impressione è tuttavia che non si stia arrivando ad una situazione per cui ciascun terapeuta sviluppa il suo stile in modo eclettico. D'altra parte è vero che i terapeuti sistemici usano la varietà di modelli per sviluppare un proprio percorso individuale, piuttosto che aspirare ad un consenso su come si pratica la terapia sistemica e continuare a produrre all'infinito nuove 'rivoluzioni copernicane', come fu quella in cui si ebbe il cambiamento dal paradigma psicoanalitico al paradigma sistemico.
Il nuovo orientamento nel movimento sistemico si rivela, per usare la parola di Welsch in un 'atteggiamento mentale', che si può chiamare un 'atteggiamento postmoderno'.
Il post-modernismo si risolve - per usare il concetto di Cecchin - in un atteggiamento di 'curiosità'.
Un tale atteggiamento accetta una pluralità di punti di vista e di modi di pensare dei clienti. Il terapeuta aspira a creare un contesto che soddisfi la soggettività di ogni individuo e a offrire un ambiente terapeutico in cui diverse modalità possano essere rappresentate in un dialogo aperto.
Creando un proprio stile di terapia, ci si orienta fortemente a ciò che viene richiesto dalla particolarità ed originalità d'ogni problema portato dal cliente in terapia. In questa maniera, il pensiero postmoderno offre una meta-teoria che permette una prospettiva finora sconosciuta sul processo terapeutico. Tale atteggiamento si rivela utile riguardo alla possibilità di creare un più efficace sviluppo del processo terapeutico nelle diverse situazioni.

Come si è detto, i terapeuti della scuola milanese accentuano quindi ulteriormente la loro identità sistemica e, nello stesso tempo, integrano nuove idee senza comunque di sostituire il modello sistemico. Questa modalità, che prima abbiamo caratterizzato come 'postmoderna', secondo alcuni viene vista come interna al paradigma della 'complessità'.
Il paradigma della complessità, che ha molto influenzato nel corso degli anni '80 e '90 il campo sistemico, si è sviluppato a partire da Von Bertalanffy (teoria dei sistemi), I. Prigogine (termodinamica del non equilibrio), H. Maturana e F. Varela (autopoiesi), E. Morin (sociologia e teoria della scienza) nell'ambito delle scienze cosiddette 'dure', come la fisica, l'astronomia, ecc., applicando i nuovi principi scoperti in quegli ambiti ai sistemi umani.
"La complessità è un liguaggio con cui si possono esprimere le dinamiche delle situazioni e degli eventi dei sistemi naturali e sociale. È l'atteggiamento di colui che, considerandosi attivo nel rapporto con la conoscenza, non osserva più un fenomeno semplice e non si considera più un soggetto semplice, ma riconosce il carattere composito della realtà, rinuncia alla neutralità, all'oggettività e alla verità nella conoscenza del 'reale'." (25)
Umberta Telfener (26) riassume il significato del paradigma della 'complessità' nel modo seguente: "I differenti modelli psicoterapeutici sono lenti interpretative, strumenti, mappe per avvicinarsi ad una realtà. Ciascun paradigma non è oggettivamente migliore, più vero di un altro. Ciascun modello costituisce una delle possibili lenti interpretative della realtà psicologica." (27)
U. Telfener, che personalmente non è d'accordo con l'idea postmoderna, ritiene ancora valida la metafora dei sistemi complessi. Lei crede che anche l'adozione del narrativismo sia coerente con un'ottica sistemica, purchè non venga considerato come l'unica metafora valida per parlare di terapia. Pensa che nell'ottica sistemica parlare di narrazione e usare diverse metafore per descrivere i sintomi e il processo terapeutico non sia solo possibile ma anche auspicabile.

In un certo senso, si osserva un parallelo tra l'idea di complessità e il pensiero postmoderno: lo scopo ultimo della ricerca teorica può non essere quello di enunciare una teoria universalmente valida, che sia in grado di incontrare la complessità di fenomeni, ma piuttosto di insediare e applicare di volta in volta un 'network' di teorie tale da fungere da struttura che si sviluppa entro il paradigma della 'complessità'.
La differenza essenziale tuttavia tra questi due approcci è che l'approccio della 'complessità' si riferisce ad un paradigma sviluppatosi nel campo scientifico, mentre il pensiero postmoderno non rappresenta un paradigma ma piuttosto un'atteggiamento mentale' che non aspira a costituire nuovi assiomi che si stacchino da altri assiomi precedentemente accettati.

In conclusione, viste tutte le riflessioni fin qui introdotte, si potrebbe chiedere: quale assunto di base teorico-pratico orienta la terapia sistemica oggi in Italia? Per rispondere a questo quesito, lascerei parlare Bertrando e Biancardi, i quali hanno esaminato l'evoluzione del pensiero sistemico a partire da uno dei suoi cardini, il concetto di 'contesto'. Secondo questi due autori, il 'contesto' ha assunto all'epoca del 'testo' nuove connotazioni: "Si tratterà, certamente, di un contesto che ha perso - se mai l'ha avuta - ogni pretesa di oggettività; si tratterà di un contesto radicalmente soggettivo, o riferito all'osservatore; ma anche, e nello stesso tempo, intersoggettivo, e quindi, in questo senso, comunque, e ancora, sistemico. Si tratterà, in ogni caso, di un contesto pluricentrico, che preveda piani distinti, punti di vista differenti, versioni che non possono essere unificate, racconti tra loro irrducibili, e anche diverse dimensioni del tempo e della storia." (28)



1. Laureata in psicologia alla Libera Università di Berlino
2. Il lavoro è stato possibile grazie collaborazione di terapeuti sistemici come M. Gonzo e U. Telfener, che ringrazio.
3. Boscolo, L., Bertrando, P. (1996) Terapia sistemica individuale. Raffaello Cortina Editore, Milano
4. Selvini Palazzoli M. (1975) Paradosso e controparadosso. Feltrinelli, Milano
5. Centro Milanese di Terapia della Famiglia, detto 'di Via Leopardi'
6. Gonzo, M., Mosconi, A., Tirelli, M. (1999) L'intervista nei servizi sociosanitari: Uno strumento conoscitivo e d'intervento per gli operatori. Raffaello Cortina Editore, Milano
7. White, M., Epston, D. (1989) Literate Means to Therapeutic Ends. Adelaide (Australia): Dulwich Centre Publications.
8. Lyotard, J.F. (1980) La condizione postmoderna. Trad. It. Milano, Feltrinelli, 1981
9. Derrida, J. (1967) De la grammatologie
10. Foucault, M. (1966) L'ordre du discours. Paris, Gallimard
11. Welsch, W. (1997) Unsere postmoderne Moderne. Akademie Verlag, Berlin
12. Wittgenstein, L. (1953) Philosophische Untersuchungen. Oxford, Basil Blackwell
13. White, M., Epston, D. (1989)
14. Boscolo, L., Bertrando, P. (1993), (1996)
15. Boscolo, L., Bertrando, P. (1996) Terapia sistemica individuale. Raffaello Cortina Editore, Milano
16. Boscolo, L., Bertrando, P. (1993) I Tempi del Tempo: una nuova propettiva per la consulenza e la terapia sistemica. Torino, Bollati Boringhieri.
17. ibidem, p. 108
18. Boscolo, L., Bertrando P. (1993) I tempi del tempo. Torino ; Bollati Borinhieri, p.10
19. Cecchin, G., Lane, G., Ray, W.A. (1993). Franco Angeli, Milano
20. Gonzo, M., Mosconi, A., Tirelli, M. (1999) L'intervista nei servizi sociosanitari: uno strumento conoscitivo e d'intervento per gli operatori. Milano, Raffaello Cortina Editore, p. 12
21. Ibidem, p. 14
22. Cecchin, G. (1987) Hypothesising - circularity - neutrality revisited: an invitation to curiosity. Family Process, 26, pp. 405-413
23. Ugazio, V. (1998 ) Storie permesse e storie proibite. Bollati Boringhieri, Torino.
24. Se noi accettiamo l'enfasi sul concetto di 'testo' o di 'storia' come distintivo della prassi postmoderna, sia coloro che si richiamano esplicitamente, almeno in parte, al postmodernismo, sia coloro che non si sentono rappresentati da questa etichetta, tutte le scuole italiane di terapia sistemica sono state inevitabilmente influenzate da questa nuova visione postmoderna (Gonzo, Mosconi, Tirelli, 1999).
25. Telfener, U. Riflessioni sui problemi eistemologici in psicoterapia. Psicobiettivo, p.7
26. Psicologa clinica, professore presso la Scuola di Specializzazione in Psicologia della Salute dell'Università 'La Sapienza' di Roma, didattta della scuola milanese di terapia della famiglia
27. Ibidem, p. 10
28. Bertrando e Bianciardi (1998) 'Sistema' e 'contesto' nell'epoca del testo. Connessioni - Rivista di consulenza e ricerca sui sistemi umani - numero 3, p. 7.

 


home[2].gif (2465 byte)

wpe3.jpg (1330 byte)