Culture / cultures


Articoli / Papers

sistemi e culture

M.Gonzo, M.Tirelli (1994) "Contesti dell’aborto: fattori culturali e sociali del ricorso all’IVG nella popolazione extracomunitaria",  "Consultorio Familiare", Anno VIII, n.2, pp.31-42

M.Gonzo, M.Tirelli (1995) "Pianificazione familiare e comunicazione trans-culturale",  "La rivista di servizio sociale- Studi di scienze sociali applicate e di pianificazione sociale", Anno XXXV, n.2, giugno, pp.33-41

M.Gonzo (1995)"Mito e significato nella comunicazione e nella terapia", "Connessioni", n.10, settembre, pp.46-54

M.Gonzo (1995)"Affido di bambini extracomunitari a famiglie italiane", "Prospettive Sociali e Sanitarie", n.18, pp.16-20

M.Gonzo (1996) "Progetto benessere donna straniera nell’Ulss 5 Ovest Vicentino, parte IIa: L’intervento di prevenzione dell’IVG con le donne extracomunitarie", " Centro di educazione alla salute - Servizio Regionale di Documentazione - Notizie", n.4, dicembre, pp 6 -7

M.Gonzo, V. Ambrosini (1997) "Il progetto benessere donna straniera nell’Ulss n.5 Ovest Vicentino", "La rivista di servizio sociale - Studi di scienze sociali applicate e di pianificazione sociale", Anno XXXVII, n.1, marzo, pp.51-58

V.Ambrosini, M.Gonzo  (1998) "Il progetto benessere donna straniera nell’Ulss n.5 Ovest Vicentino. Valutazione di un’esperienza di intervento in un contesto sociosanitario allargato" in: R.Malatesta, I. Lante, a cura di (1998) "Aspetti sanitari dell’immigrazione. Atti del III° Convegno, Treviso, 12 febbraio 1998, Ospedale Regionale Cà Foncello", pp.145-161

M.Gonzo (1998)"Miti e rituali nella terapia sistemica: un caso clinico", "Terapia familiare", n.56, pp.25-38

M.Gonzo (1998) "Il consultorio familiare in un territorio multietnico" in: G. Tibaldi, a cura di "I significati soggettivi della salute e del ben-essere", Unipress, Padova, pp. 123-133.

A.Mosconi, M. Gonzo (1998) "Myths and rituals in the family and in the therapy: culture and ritualised prescriptions", "Human Systems", Vol. No. 9, issue 3-4, pp. 193-201

M.Gonzo, M.Tirelli, V.Visotti (1999)"Il colloquio per interruzione volontaria della gravidanza con le donne immigrate", in: M.Gonzo, et.al.  "L'intervista nei servizi sociosanitari. Uno strumento conoscitivo e d'intervento per gli operatori"Raffaello Cortina, Milano, pp.83-105

B.Testolin, M. Gonzo, R. Zordan (1999) "Bambini immigrati a scuola. Una ricerca in alcuni Comuni dell'Ovest Vicentino", "Rivista di Servizio Sociale", n.3.

M. Gonzo, A. Benincà (2000) "Il sé nella comunicazione interculturale". "Terapia Familiare", n.62, pp. 27-41

M.Gonzo, B.Testolin, R.Zordan, G.Caron (2000) "Comunicazione interculturale e intervento socioeducativo: il progetto 'Il bambino e la famiglia nella società multietnica" . "Rivista di Servizio Sociale", n.1, pp. 43-58. 

  M. Gonzo, F. Silvestri (2001) "Prevenzione dell'aborto nelle donne immigrate: risultati di un questionario-intervista rivolto a 80 donne". "Rivista di Servizio Sociale", n.1, pp. 63-75. 

M.Gonzo, G.Caron, F. Silvestri, B.Testolin, R.Zordan (2001) "Ottica sistemica e intervento di comunità: un progetto per l'inserimento scolastico e sociale dei minori stranieri". "Terapia Familiare", n.65.

 B. Testolin (2002)"The Child and the Family in the Multiethnic Society" in: A. L. Comunian, U. P. Gielen (Eds.) It’s All About Relationships Pabst Publisher, Lengerich, Germany. 

M. Gonzo  (2002) "The Project 'The Child and the Family in the Multiethnic Society': Creating Better Relations between Italian and Foreign School Children" in: A. L. Comunian, U. P. Gielen (Eds.) It’s All About Relationships Pabst Publisher, Lengerich, Germany. 

M.Gonzo (2004) "Immigrant Women, Abortion and Preventive Intervention" in:  Claire Rabin (Eds) Understanding Gender and Culture in the Helping Process - Practitioners' Narratives in Global Perspectives, 1st Edition - Tel Aviv University, Thomson Wadsworth.

M. Gonzo, F. Silvestri (2006) "Intercultura: come misurare le qualità comunicative", Quaderni di mediazione, Punto di Fuga Editore   

M.Gonzo (2006) "Affido di bambini stranieri a famiglie italiane", Affido familiare news, Speciale 11 febbraio, Comune di Genova.

M. Gonzo (2006) "Gruppo di lavoro 'affido di bambini stranieri a famiglie italiane', Affido familiare news, Speciale 11 febbraio, Comune di Genova.

       

 


Reviews / Riviste  


"Human Systems", Vol. No. 9, issue 3-4 1998

SPECIAL ISSUE:

"CULTURE IN SYSTEMIC PRACTICE"
 

Articoli di / Papers by:

Peter Stratton;

Matthew R. Mock;

Barnett Pearce & Kimberly Pearce;

Renee Singh;

Andrea Mosconi & Mauro Gonzo; 

Cinzia Raffin & Giuliana Prata;

Dora Fried Schnitman;

 

Nicky Hayes;

Hyonsook Chong;

Pietro Barbetta, Cecilia Edelstein & Gabriela Gaspari;

Michael Shamai;

Maxwell Magondo Mudarikiri;

Juliana Gontijo Aun

Info and order to:

http://www.lethe.leeds.ac.uk/lftrc/journal/


psychosocialnotebook.jpg (58769 byte)  

Neuerscheinung / Nouvelle publication / New publication:

Psychosocial Notebook

Vol. 1 nov. 2000

__________________________

Psychosocial and Trauma Response in War -Torn  Societies

The case of Kosovo

 


 A new journal:

 Critical Discourse Studies: An interdisciplinary journal for the social sciences

A Routledge Journal -- New for 2004 http://www.tandf.co.uk/journals/titles/17405904.asp

 Editors:

Norman Fairclough,

Lancaster University, UK

Phil Graham,

University of Queensland, Australia

Jay Lemke,

University of Michigan, USA

Ruth Wodak,

University of Vienna, Austria 

Authors are invited to submit papers for publication in Critical discourse Studies, a peer-reviewed international journal published by Routledge-Taylor & Francis.

 Critical Discourse Studies is an interdisciplinary journal for the social sciences. Its primary aim is to publish critical research that advances our understanding of how discourse figures in social processes, social structures, and social change. 

The journal has been established in response to the proliferation of critical discourse studies across the social sciences and humanities. We will consider for publication papers that meet the needs of scholars in diverse disciplines and areas of study which develop critical perspectives on the relationship between discourse and social dynamics. 

Relevant areas and disciplines include, but are not limited to: anthropology communication cultural studies education ethnic studies gender studies geography history legal studies linguistics literary studies management studies media studies migration studies philosophy political economy political science psychology sociology technology studies urban studies

The editors also welcome papers which connect critical academic research with practical concerns and agendas, including those of activist and grassroots political movements. 

The scope of critical discourse studies is not limited to linguistic studies, or articles that are primarily empirical or analytical. Critical examination of non-linguistic phenomena that take a significant discourse orientation, as well as theoretical and methodological papers that advance critical understandings of discursive phenomena, are welcomed. 

Recognising the diversity, depth, and history of scholarship in the growth of critical discourse studies, no particular theoretical, disciplinary, or methodological "schools" or paradigms will be privileged over others in the selection of papers for publication. The primary criteria for publication are originality, scholarly rigor, coherence of argument, relevance and timeliness of research. 

Critical Discourse Studies encourages contributions from both new and established scholars. The journal recognises that the new and rapidly changing social relations of the current age call for new approaches and new understandings that bridge disciplinary and cultural boundaries. Therefore the editors strongly encourage the submission of papers that help us achieve these aims. 

Critical Discourse Studies aims to be accessible. It aims for papers that are written clearly, explain key terms and concepts in an accessible way for readers at many levels, and recognise the needs and interests of its diverse community of readers. 

For further information, or to submit manuscripts, email editorial@cds-web.net

Further information, including notes for authors, is available at the Routledge-Taylor and Francis Critical Discourse Studies webpage: http://www.tandf.co.uk/journals/titles/17405904.asp.


Derive23T.jpg (7564 byte)  

DeriveApprodi n.23
Editoriale; Postcolonial - a cura di Sandro Mezzadra e Federico Rahola; DeriveApprodi-Dure immagini;Sandro Mezzadra, Federico Rahola-La condizione postcoloniale; Nirmal Puwar-Parole situate e politica globale; Gayatry Chakravorty Spivak-Il dominio è di ogni colore; Paul Gilroy- Atlantico nero; Dipesh Chakrabarty- Dopo i Subaltern Studies: globalizzazione, democrazia e futuri anteriori; Marcello Tarì-
Gli Studi Subalterni (e postcoloniali) ci riguardano?; Robert J.C. Young-Germinazioni postcoloniali: da Bandung a L’Avana; Brett Neilson-Australia: panottico e terra nullius; Yann Moulier Boutang- Ragione meticcia; Miguel Mellino-L’ora delle diaspore. Genealogia di un soggetto postcoloniale; Paolo Godani, Pino Lena-Limiti e possibilità della cooperazione internazionale; Maia Pedullà-Dopo il Terzo mondo;Mauro Guarinieri-Planet Aids; Karim Metref -La Kabylia, "eterna ribelle". Democrazia di base e movimento cittadino dopo la Primavera nera; Patrick Bond-L’embrionale anticapitalismo africano; George Caffentzis, Silvia Federici-Lotta sui fiumi di petrolio nigeriano;Franco Barchiesi, Ashwin Desai, Peter van Heusden-
Mandela’s Park. Lotte di comunità e nuovi soggetti sociali nel Sudafrica post-apartheid; Andile Mngxitama- I "senza terra sono atterrati". Il Landless People Movement; Colectivo Situaciones- Oltre i picchetti.  Resistenza, creazione, contropotere nella fabbrica sociale argentina. . Colectivo Grado Cero-Il pensiero assembleare in Argentina; Oriel Ogando -Autogestione e cooperativismo nelle fabbriche occupate argentine;
Saberes Sociales-Lotte locali e resistenza globale; Foro de Acà-Eppur si muove; Forrest Hylton-Bolivia, ieri, oggi e domani; Miguel Angel Sandoval-Dopo la fine della guerriglia. Mobilitazione contadina, movimento indigeno e diritti umani in Guatemala; Ana Esther Cecena-Per l’umanità contro il neoliberismo. Linee centrali del discorso zapatista; Aasim Sajjad Akhtar-Ripensare l’internazionalismo e le strategie di trasformazione radicale; Su- Dol Kang- Corea del Sud. Dieci anni di lotte operaie e studentesche; Jon Solomon
Impero e il regime della traduzione unilaterale. Un dibattito a Taiwan; Valentina Pellizzer -
Riflessioni ondivaghe sul tema della cooperazione internazionale;Pietro Craighero - Genesi dell’auto-aiuto|


Quaderni di Mediazione

Teorie, tecniche e pratiche operative di gestione positiva dei conflitti e mediazione qdm@puntodifugaeditore.com 

www.puntodifugaeditore.com/qm/ 

PRESENTAZIONE

Siamo lieti di presentare il periodico trimestrale “Quaderni di Mediazione. Teorie, tecniche e pratiche operative di gestione positiva dei conflitti e mediazione”, in uscita il prossimo mese di maggio. La Rivista nasce per dare circolarità e diffusione all’ampio e appassionante dibattito teorico, nelle sue differenti scuole di pensiero, all’evoluzione delle tecniche e alla pratica operativa in materia di gestione positiva dei conflitti e mediazione, proponendosi sia quale strumento di ricerca, di analisi, di studio e di confronto per tutti coloro che, a vario titolo e nei differenti indirizzi professionali e accademici, si occupano di mediazione, sia quale strumento operativo, di orientamento e di approfondimento, utile non solo agli “addetti ai lavori”, ma anche a chi delle pratiche di mediazione ne è diretto fruitore (si pensi, ad esempio, alla scuola, alle aziende e alle associazioni datoriali e dei lavoratori, alla pubblica amministrazione, ecc.).  La Rivista, nata grazie alla collaborazione di quanti ne hanno sposato fin da subito la filosofia editoriale, potrà certamente migliorare e perfezionarsi nel tempo grazie a coloro che ne vorranno condividere gli intenti e al contributo che le associazioni, le organizzazioni, i centri, i professionisti e gli operatori vorranno offrire attraverso articoli, segnalazioni, comunicati e resoconti su iniziative e progetti inerenti la gestione positiva dei conflitti e la mediazione, nei diversi ambiti di applicazione. Nell’auspicio che anche voi vogliate condividerne e sostenerne il progetto editoriale, vi invitiamo fin d’ora a volere considerare la Redazione della Rivista aperta ai contributi che ci vorrete proporre.


 

Libri / Books 

 


New publication /Nuova pubblicazione:
Pietro Basso, Fabio Perocco (a cura di)
IMMIGRAZIONE E TRASFORMAZIONE DELLA SOCIETÀ -
FrancoAngeli

Questo volume analizza criticamente le cause, le forme, gli effetti dei movimenti migratori che sono in atto verso l’Italia e l’Europa nel quadro del processo di mondializzazione, e discute le domande e le istanze che l’immigrazione pone alle scienze sociali e ai servizi sociali, in quanto dinamico fattore di trasformazione della società.È un lavoro a più voci, tra loro dialettiche, che suona, o almeno cerca di farlo, una musica un po’ diversa da quella corrente.Il presupposto da cui muove è che le lavoratrici e i lavoratori immigrati non sono né bestie da soma, né sotto-uomini, né tanto meno gli untori del duemila, e neppure ninnoli folklorici, ma esseri umani portatori di bisogni umani emancipativi. Da integrare pienamente, su di un piano di parità, nella vita sociale e politica, e con cui integrarci in un autentico scambio solidale di esperienze e di culture proiettato al di là delle obsolete barriere nazionali. Questo testo esprime perciò una posizione di vivo contrasto nei confronti dell’etnocentrismo e del razzismo anti-immigrati di cui è malata una società che, ad onta del suo look scintillante di denaro e dei peana alla new economy, manifesta nella paura e nel rifiuto delle popolazioni immigrate (che supersfrutta) la paura per il proprio stesso futuro. Esso si rivolge non solo agli operatori dell’immigrazione, ma a tutti coloro che sono interessati a questa tematica, mettendo a loro disposizione degli utili strumenti di approfondimento e di lavoro.

Pietro Basso insegna Metodologia delle scienze sociali e Sociologia della devianza all’Università di Venezia e coordina il Comitato scientifico del Master sull’immigrazione istituito presso la medesima Università. Con la FrancoAngeli ha già pubblicato Disoccupati e stato (1981) e Tempi moderni, orari antichi. L’orario di lavoro a fine secolo (1998).

Fabio Perocco insegna Sociologia delle migrazioni all’Università di Venezia e coordina l’attività didattica del Master sull’immigrazione istituito presso la medesima Università. Ha pubblicato numerosi saggi sui fenomeni migratori ed è co-autore di L’Islam in Italia. Una presenza plurale, a cura di C. Saint-Blancat (1999).

 


                       donne globali.jpg (52703 byte)              

Donne globali -Tate, colf e badanti Barbara  Ehrenreich e Arlie  Russell Hochschild

Pagine: 312
Prezzo: Euro 25

Al centro di questo libro sono gli effetti della globalizzazione sul lavoro femminile, e soprattutto su certe tipologie di lavoro che le donne occidentali non vogliono più fare. Quello della tata, della collaboratrice domestica, dell’aiuto per persone anziane e inferme. Lavori svolti da donne che hanno lasciato a casa i propri bambini per poter garantire loro un futuro migliore e alle quali viene chiesto di occuparsi dei nostri figli esattamente come noi faremmo. Donne dalle quali si pretende molto salvo poi sviluppare istinti di gelosia perché il figlio si è affezionato troppo a loro. Donne tiranneggiate, vessate, sfruttate spesso purtroppo proprio da altre donne. Perché il punto è proprio qui: nella battaglia per la parità e il diritto all’autoaffermazione, il femminismo ha perso. Dietro ogni donna in carriera non c’è condivisione dei compiti. Gli uomini si sono ben guardati dal dividersi tra casa e lavoro. Dietro ogni donna affermata c’è invece un’altra donna, dea ex machina che lava, pulisce e riporta ordine in casa e tranquillità in famiglia.
Questa raccolta di saggi descrive il fenomeno, indagando nelle pieghe della vita delle nuove "donne globali", negli effetti spiazzanti sui loro legami familiari, negli ibridi transculturali che ne derivano, puntando il dito contro un capitalismo che non si accontenta più dello sfruttamento dei beni materiali, ma pretende di fare commercio dell’affetto, della cura e dell’amore.

 


Neuerscheinung / Nouvelle publication / New publication:

"Les migrations créatrices - étude de l'entreprenariat des étrangers en Suisse".
Paris, L'Harmattan, 1999
(Collection 'Migrations et changements')

Immigrant entrepreneurship is a little known aspect of immigration in Switzerland. In the book which he has just published, Etienne Piguet - Economist and Vice-director of the Swiss Forum for Migration Studies - studies the evolution of this phenomenon during the last decades and tests a series of hypotheses concerning the reasons which push some migrants to enter into self-employment.

La création d'entreprise par les étrangers est un aspect peu connu de l'immigration en Suisse. Dans l'ouvrage qu'il vient de publier, Etienne Piguet – Economiste et vice-directeur du Forum suisse pour l'étude des migrations -étudie l'évolution de ce phénomène au cours des dernières décennies et met en évidence les raisons qui poussent certains migrants à "se mettre à leur compte".

Unternehmensgründungen von Ausländern gehören zu den wenig beachteten Facetten der Einwanderung. In seinem kürzlich erschienen Buch geht Etienne Piguet - Ökonom und Vize-Direktor des SFM - der Entwicklung dieses Phänomens während der vergangenen Jahrzehnte nach und zeigt die Gründe auf, die Migranten veranlassen, sich beruflich selbständig zu machen.

Bestellung / Commande / Order
Suisse:
Librairie l'Age d'Homme, Pl. Pépinet 1, CH - 1003 Lausanne
Tél 021/ 323 13 91, fax 021/ 323 82 11 (ou en librairie).

Pour les autres pays:
L'Harmattan - 7 rue de l'Ecole Polytechnique, F - 75005 Paris
Tél ++33 1 40 46 79 21, fax ++33 1 43 25 82 03 - e-mail : harmat@worldnet.fr
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Forum suisse pour l'étude des migrations
Rue des Terreaux 1
CH-2001 Neuchâtel
Homepage: http://www.unine.ch/fsm/
Library catalog: http://www.etatne.ch/fsm/libri/libri.htm

 


Social Inequalities in Health

By James S. House
Institute for Social Research - University of Michigan - 2000

Executive Summary:
http://www.ahsr.org/rwjf/social_inequalities.htm
<http://www.ahsr.org/rwjf/social_inequalities.htm>

Socioeconomic Inequalities in Health: An Enduring Sociological Problem
Robert SA and House JS.
Edited by Chloe Bird, Peter Conrad and Alan Fremont.
Englewood Cliffs, NJ: Prentice Hall, 2000.

"..... Dr. House and his colleagues are still in the process of mining a unique national sample of people interviewed over an eight year period which permits them to study the prospective impact of socioeconomic status, race, gender, age, psychosocial risks and other factors on health disparities. The Michigan researchers combine careful and controlled analysis of risk factors in this data set with conceptual work to explain the role of race and ethnicity, relationships with community and society characteristics, and the reasons for taking a new look at medical care......"

 


New publication /Nuova pubblicazione:

KUBANDWA: LA POSSESSIONE SPIRITICA NELL'AFRICA DEI GRANDI LAGHI

Cecilia Pennacini

 Il segnalibro, Torino 1998, pp. 309, Lit 38000

L’autrice, antropologa che ha operato per anni sul campo, è una collaboratrice della SICIS e ha contribuito alla riuscita di un seminario sulla possessione e la follia proprio riferendo delle ricerche narrate in questo libro.

La prima impressione, è ovvio, è di spaesamento: sembra tutto così esotico… Poi, riflettendoci, scopriamo che le “altre” culture non sono poi così “altre”, e lo sono più negli aspetti formali che in quelli sostanziali. E scopriamo anche che la loro disponibilità ad accogliere ciò che è diverso può essere maggiore della nostra: siamo così sicuri delle nostre conoscenze!

Togliersi di dosso l’abito colonialista non sembra facile...

 

 


MANUALE LESSICO PER IL MEDIATORE INTERCULTURALE
a cura dell'Associazione culturale multietnica HARAMBE
progetto Jean Marie Tshotsha

Finanziamento : Provincia di Torino
Assessorato alla Solidarietà Sociale, Politiche Giovanile, Sanità e Pari Opportunità
Servizio Programmazione Solidarietà Sociale


Molti degli Istituti e servizi italiani in materia di lavoro, servizi sociali, giustizia, non hanno equivalenti (o addirittura non esistono) in alcuni dei paesi di provenienza degli immigrati, ne discende una difficoltà comunicativa, nonchè di comprensione tra l'utente e l'operatore; a tal fine si è pensato di elaborare il presente manuale, che intende essere uno strumento di facile consultazione, rivolto ai mediatori interculturali, cittadini stranieri che non solo utilizzano una lingua straniera (l'italiano) per il loro lavoro ma anche una terminologia tecnica spesso non familiare anche agli operatori autoctoni. Pertanto, tenendo conto della potenziale equivocità della comunicazione verbale in contesto multiculturale e plurilinguistico, l'intento è di far sì che, per ogni termine, il significato e il valore di esso siano standard per tutti, l'operatore e l'utente dei servizi (*).

Inoltre il presente manuale è uno strumento a servizio degli operatori sociali italiani dei servizi pubblici e privati, (educatori, animatori, ecc,) adibiti all'inserimento sociale, culturale, e lavorativo dei cittadini stranieri immigrati in Italia.

Si parte dal presupposto che l'operatore sociale, italiano o straniero, abbia prima di tutto una buona padronanza della lingua italiana, quale strumento indispensabile per il suo lavoro, e pertanto la traduzione in lingue (1. albanese, 2. arabo, 3. cinese, 4. francese, 5. inglese, 6. rumeno, 7. russo, 8. serbo croato, 9. spagnolo) riguarderà solo i termini e non il loro significato.

Data la vastità degli argomenti trattati, sono stati necessari i contributi di vari e molteplici professionisti o specialisti delle singole materie; ciò spiega la non uniformità dello stile con cui sono trattate le singole voci.

Nel presente testo è possibile trovare la terminologia più ricorrente nei vari settori di intervento del mediatore interculturale:

  • LAVORO E PREVIDENZA SOCIALE
  • PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
  • PUBBLICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE
  • SISTEMA GIUDIZIARIO E LEGISLAZIONE
  • SERVIZIO SANITARIO E DI PREVENZIONE
  • SERVIZIO SOCIALE
  • SERVIZIO LAVORO

I mediatori interculturali assumono oggi ruoli differenti che vanno dalla semplice traduzione e dalle forme diverse di interpretariato, a quelle di `discussant' o di `advocacy' (difesa dei diritti dell'utente) sino ad arrivare, in Torino e provincia, a funzioni via via più specifiche in contesti quali:

  • Scuola (informazione, educazione interculturale, ecc.)
  • Servizi Socio-Assistenziali
  • altri Servizi comunali (Ufficio Stranieri, ecc.)
  • Questura
  • Istituti giudiziari
  • Case Circondariali
  • Centri per l'impiego
  • Consultori Familiari
  • Ospedali (soprattutto alcune divisioni in cui le problematiche connesse ai differenti modelli di salute, di malattia, o alle particolari rappresentazioni del corpo sono più critiche o più elevati i rischi di malinteso diagnostico: divisioni di ostetricia e ginecologia, Pronto Soccorso, ecc.)
  • Centri di Salute Mentale o Servizi di Neuropsichiatria Infantile (anche in rapporto ai peculiari problemi posti dalla comunicazione).

In questi ultimi il bisogno di attività di mediazione interculturale è molto sentito, e lo scarso accesso di immigrati a tali servizi documenta i limiti di modelli di presa in carico che non siano appropriati sotto il profilo culturale (si vedano le voci etnopsicoterapia, etnopsicologia, etnopsichiatria). Alcuni Centri specialistici sono sorti in Italia e in Europa per produrre modelli specifici di psicoterapia, centrati sul dispositivo della mediazione interculturale e rivolti a cittadini stranieri (Associazione Frantz Fanon a Torino, Centro Devereux a Bologna, ecc.).

Il manuale è diviso in 5 parti:

  1. terminologia d'uso nei vari uffici pubblici addetti a questo settore
  2. termini tradotti in lingue
  3. glossario
  4. mappatura mediatori
  5. mappatura agenzie

TRADUTTORI:

  • Albanese: Emil Sherko - Vjollca Shamku
  • Arabo: Malika Ghazoui - Younssi Abdelbasset
  • Cinese: Gu Ailian
  • Francese: Jeanne Aka Wossan - Malika Ghazoui
  • Inglese: Esohe Aghatise
  • Rumeno: Monica Mincu
  • Russo: Hodegeva Ivanova Penka
  • Serbo croato: Vesna Scepanovic
  • Spagnolo: Maria del Pilar Yenque - Norma Berti
GRUPPO DI LAVORO
Roberto Beneduce, Monica Brignone, Silvio Canapé, Maurizio Cossa, Giovanni D’Elia, Piergiorgio Maggiorotti, Daniela Molinero, Laura Mussano, Mariella Peirone, Leonor Ronda, Chiaffredo Rosso, Riccardo Rosso, Aurelia Tassinari

Si ringraziano inoltre tutti coloro che a vario titolo hanno contribuito alla realizzazione di questo primo manuale.L’elaborazione di questo manuale inizia fine 2001. Tenendo conto dei cambiamenti e della riorganizzazione di alcuni servizi nel tempo, delle periodiche modifiche sulla normativa in materia di ingresso e di soggiorno degli immigrati non UE, potrebbero verificarsi inesattezze in alcune definizioni e ce ne scusiamo; questo prodotto sarà pertanto soggetto ad un aggiornamento continuo.

Torino, 30 aprile 2003   

 


 

                                                                           Cari Amici, visitate le nostre pagine web: http://www.edizioni-achab.it/  

è uscito il nuovo libro

Joséito Fernández e la sua Guajira Guantanamera

Paolo Rossignoli - Editore         

                                                                         EDIZIONI ACHAB - VIA CAROTO, 2/A - 37121 VERONA

                                                                         TEL. +39 045 8489196 - FAX  +39 045 8403149 - www.edizioni-achab.it

 

 


La terza metà del cielo

Gli Zingari in Sardegna
Gia ed., Cagliari, 1995
(pp.253, lire 37.000)

di Alberto Melis

Storia, tradizioni, usi e costumi, dalla lontana India alle baraccopoli dei nostri centri urbani: mille anni di una vicenda densa di pregiudizi e aspre persecuzioni. Con una raccolta di immagini fotografiche, un glossario dei Romà Khorakhané di origine montenegrina e un'intervista all'antropologo Leonardo Piasere.

 


esserezingaraesseredonna.jpg (75302 byte)Essere zingara, essere donna: possibilità di percorsi comuni

Pubblicazione a cura del Quartiere Navile nell’ambito di Bologna 2000

( curatrici: Roberta Gavazzi,   M.Luisa Polmoni, Paola Santoro, con interventi di C. Koch e U.Telfener )

  ll volume "Essere zingara, essere donna: possibilità di percorsi comuni"    propone una serie di storie di vita delle donne sinte del campo sosta di via Erbosa (Quartiere Navile); esso è nato dalla volontà di interazione e dal desiderio di confronto che, queste stesse donne, hanno da sempre dimostrato nei confronti dell’esterno.

Le storie narrate, attraverso lo strumento dell’intervista, hanno come tema dominante la condizione femminile e il filo che unisce e separa le donne zingare attraverso le generazioni. Le intervistate hanno liberamente scelto i temi che preferivano affrontare toccando argomenti come la famiglia, la nostalgia del passato, il rapporto con i non zingari e le aspettative per il futuro. Alcune ragazzine hanno infine contribuito alla pubblicazione realizzando disegni.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di favorire lo scambio di esperienze fra donne zingare e non perché siano valorizzate sia le differenze che le somiglianze esistenti fra chi proviene da storie e da culture diverse.

L’idea di dare spazio alle donne è nata dalla consapevolezza dei cambiamenti in atto nella comunità zingara, in particolare nelle relazioni in seno alla famiglia, tra uomo e donna e tra i genitori e i figli. Se da una parte alle donne è affidato il compito di garanti delle tradizioni attraverso l’educazione dei figli e la cura della famiglia nucleare ed allargata, dall’altra, sono le donne stesse che attraverso i contatti con le Istituzioni e i Servizi, proprio in relazione all’educazione e all’accudimento dei figli, si fanno maggiormente portavoce del cambiamento.

Il Quartiere Navile, nel promuovere questa iniziativa, si è basato inoltre sulla constatazione che, malgrado da vari decenni Bologna sia luogo di permanenza di persone zingare, il rapporto tra comunità maggioritaria e comunità zingare è ancora caratterizzato da pregiudizi e disinformazione.  [ Per informazioni paola.santoro@libero.it ]

 


Neuerscheinung / Nouvelle publication / New publication:

Letizia Bindi - Barbara Faedda, Luoghi di frontiera. Antropologia delle mediazioni, Punto di Fuga Editore, Cagliari, 2001.

http://www.puntodifuga.it

E' uscito il volume Luoghi di frontiera, antropologia delle mediazioni, scritto da due antropologhe e dedicato alla mediazione culturale e alla prevenzione  e riduzione dei conflitti interculturali nei diversi contesti locali. Le autrici da tempo lavorano sull'apporto delle discipline antropologiche alle questioni della mediazione e sono al momento impegnate - in stretta collaborazione con operatori e ricercatori statunitensi e canadesi in materia - in  una ricerca comparativa sulle diverse forme di applicazione delle pratiche di mediazione nei diversi contesti sculturali nazionali e internazionali.

        Vedi intervista a 'Sistemi e culture'

 


geertz.jpg (24629 byte)    Clifford Geertz  Antropologia e filosofia Il Mulino 2001

Antropologo e pensatore tra i più influenti del nostro tempo, Clifford Geertz si confronta qui con alcune pregnanti questioni che, già presenti nelle sue prime esperienze sul campo, egli insegue fin nell'odierno dibattito intellettuale. le sue riflessioni, scritte in uno stile coinvolgente quanto a tratti originale e sconcertante, esplorano il terreno sui cui si è costruita la sua carriera di studioso, quell'area del sapere in cui si incontranoantropologia e filosofia. L'aver cominciato a fare ricea sotto il segno della filosofia ha infatti condotto Geertz ad allargare il proprio orizzonte di antropologo e a cercare ad es. il confronto con l'opera di studiosi come Chales Taylor, Thomas Kuhn e Jerome Bruner. Nella prospettiva del pensiero postmoderno e del multiculturalismo, particolare rtilevanza assumono temi come il relativismo  morale e la relazione fra differenze psicologiche e differenze culturali. E' al fondo di tali questioni che si situa il grande progetto geertziano: definire i modi in cui il significato si costituisce nelle diverse culture, o meglio esplorare quelle 'cornici di significato' all'interno delle quali ovunque la gente vive la propria vita. Ma questo libro è anche una biografia intellettuale i cui protagonisti sono sia un percorso individuale, sia quel particolare clima culturale in cui ha avuto origine l'avventura dell'antropologia interpretativa.

 

 


ngana2.jpg (11932 byte) NDJOCK NGANA NHINDO NERO, poesie in lingua basaa e italiana. Anterem, Roma, 1999.

Ogni parola (lingua) in una certa misura, è lo specchio nel quale si vede il viso di un popolo; ma anche se fa parte di un linguaggio che ha acquistato un grande potere di espressione dell'universale, di ciò che è comune a tutti gli uomini, ci sono cose che non potrà mai dire e che appartengono ad altri uomini... (R. Colin)

Ndjok Ngana (Teodoro) cittadino camerunense, incomincia a scrivere poesie di impegno sociale quando si iscrive all'Università di Yaoundé, nell'anno 1972-72, perché figlio di una famiglia contadina della etnia Bassa, ben nota per l'impegno politico nella lotta per l'indipendenza del Camerun. La sua poesia è come quella della maggior parte degli africani: impegnata. Un impegno politico, sociale e culturale per la conservazione dei valori fondamentali delle culture africane e la loro apertura nello sviluppo del pensiero umano.

Associazione Kel'LAM - Onlus Via Alceste Trionfi, 24 00172 Roma. Tel. 062411334 Kellam@libero.it  

 


kossi.jpg (14148 byte)Kossi KOMLA-EBRI - "IMBARAZZISMI-quotidiani imbarazzi in bianco e nero-" EDIZIONE DELL'ARCO-MARNA

__________________________________________________________________        ethnica N°3, settembre 2002                             

Imbarazzismi - Quotidiani imbarazzi in bianco e nero-

" Cominciamo anche in Italia-succede da tempo, in altri Paesi di più lunga esperienza di migrazioni- a leggere scritti che ci rimandano l'immagine di "noi" che hanno "gli altri" e che descrivono, da punti di vista che appunto non sono i "nostri", situazioni del vivere quotidiano: spesso situazioni di imbarazzo" Laura Balbo (dall'introduzione)

 È un libretto che si legge in una ventina di minuti...poi meditarci sopra. Il tema è quello dell’“imbarazzo della differenza”. Diversità -in particolare quella del colore della pelle- che in una società non avvezza ad essa porta spesso migranti e nativi ad affrontarsi nella vita di tutti i giorni, in situazioni al confine fra l’imbarazzo e il razzismo. Appunto d’“imbarazzismi”.   L'autore ha scelto di raccontarle con una certa disincantata ironia, per fare sorridere più che ridere aiutando la riflessione sulle nostre relazioni nativi/migranti talvolta piene di comportamenti inconsci rivelatori della spessa coltre di malintesi e di pregiudizi che li circonda. "Leggiamoli con attenzione questi scritti, cerchiamo di imparare cose che sono davvero importanti per questo paese e per come vivrà (vivremo, loro e noi), nei prossimi anni. E un ultimo commento: apprezziamone il senso dell'umorismo, la "leggerezza"; noi, in genere, quando si tratta di queste cose, senso dell'umorismo e leggerezza, ne mostriamo poco". Laura Balbo                                                       

 


cynthia.gif (37319 byte)

 


Diritto di fuga
Migrazioni, cittadinanza, globalizzazione

di Sandro Mezzadra
  -  Ombre corte, Verona, 2002

Quando si parla di migrazioni, si pensa generalmente che all'origine del fenomeno siano esclusivamente eventi macroscopici di portata internazionale e fattori oggettivi che prescindono dalle volontà individuali. I migranti, secondo questa concezione, appartengono ad una massa informe ed indistinta, priva di connotazioni personali. Ma è proprio l'indeterminatezza della figura del migrante ad alimentare la paura dell'ignoto ed il senso infondato del pericolo. Muovendo dalle osservazioni di  Weber sulle migrazioni dei contadini tedeschi del XIX secolo, l'autore invece reintroduce la soggettività del migrante nell'analisi dei processi migratori, esaminandola attraverso la categoria del "diritto di fuga": fuga come anelito di libertà individuale, riscatto dalle costrizioni sociali, liberazione dal giogo dispotico di gerarchie familiari o di regimi politici autoritari. Attraverso gli studi recenti sul governo della libertà del lavoro nell'era capitalistica, il libro intreccia poi il tema della specificità del migrante con la situazione contemporanea, caratterizzata dal processo di globalizzazione e dalla rielaborazione del concetto di cittadinanza negli stati occidentali, fino ad individuare numerosi punti di contatto fra le aspirazioni personali dei migranti e quelle dei movimenti anticoloniali degli anni '60-'70.

  www.deriveapprodi.org/ombrecorte.htm

 


mediare e prevenire.jpg (32376 byte)

MEDIARE E PREVENIRE NELLA SCUOLA
Da un'esperienza europea un modello progettuale per la prevenzione del disagio.

Savina Pinna, Margherita Spissu, Giovanni Spissu. Punto di Fuga Editore.

Il disagio, la dispersione scolastica, la violenza analizzati da uno psicologo, un medico, un sociologo.

Alcuni sintomi del disagio giovanile sono individuati nelle forme di violenza, che assume fin dai primi anni della vita scolastica, e all'interno della scuola, delle classi, forme di limitazione nello sviluppo della propria personalità.Da un esame sommario delle situazioni esistenti nel mondo, in Europa, nei nostri centri e in ogni singola scuola, appare necessario, oggi più che mai, gettare le basi di un modello educativo che consideri prioritario l'orientamento verso una "gestione positiva dei conflitti".Il volume, sintesi del progetto europeo "Gesposit", coordinato dall'Universidade Aberta di Lisbona, si propone di fungere da supporto alla comunità scolastica per sviluppare un modello di intervento fondato sui processi di mediazione che consenta alle famiglie, al personale docente e non docente, agli alunni, di prendere coscienza dei forti conflitti esistenti nell'individuo e nelle istituzioni in questo particolare momento storico, nonchè di tentare di agevolare, attraverso la prevenzione, i processi di sviluppo della personalità umana evitando disagi, disorientamenti, disgregazione, manifestazioni di violenza.

 


Gina Ross - Beyond the trauma vortex. The media's role in healing fear, terror and violence - North Atlantic Books - Berkley, California, USA

The impact of trauma on individuals and societies is profound and its economical cost staggering as it affects the mental, physical, spiritual and behavioral functioning of its victims. Furthermore, we are now starting to grasp trauma's influence on conflicts between groups and nations, influencing world politics.   Looking at the world through the lenses of understanding and individual and collective traumas can help diminish violence and greatly aid in bringing harmony to the world.  A trauma-sensitive media can help accomplish this ambitious task.

The book suggests guidelines on how the media can:
-Educate the public about trauma;
-Explore the issue of second-hand trauma on journalists, and learn to protect themselves from its effects.
-Report on trauma in ways to avoid traumatizing the public;
-Expose possible collective traumas underlying violent conflict between groups or nations   and understand the power and effects of the "political trauma vortex," and how to engage the "political healing vortex."
-Inform and utilize current breakthroughs in trauma treatment.

Download info in pdf format  

 


  incontri di sguardi.jpg (9998 byte) Incontro di sguardi. Saperi e pratiche dell'intercultura
A cura di Anke F.M. Miltenburg

Unipress 2002
In questo volume vengono raccolti numerosi saggi il cui obiettivo comune è quello di proporre una riflessione approfondita e aperta sull'intercultura. Venti autori, nella maggioranza attivi collaboratori del Master in Studi Interculturali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Padova, offrono al lettore un'analisi pluridisciplinare sulle tematiche interculturali.
Una prima parte teorica, prevalentemente filosofica, viene completata da decina di saggi nati da esperienze di ricerca che presentano percorsi applicativi da prospettive antropologiche, storico-culturali e linguistiche.
Particolare attenzione rivestono gli argomenti legati all'immigrazione quale realtà sempre più presente nella quotidianità della società italiana e come privilegiato orizzonte dell'incontro tra culture.
Incontro e avvicinamento che esige speciale attenzione sui processi messi in atto, i problemi sorti e le nuove dinamiche da attuare.

 

 


                                                                           

relationship.jpg (23386 byte)Anna Laura Comunian and Uwe P. Gielen (Eds.)
It’s All About Relationships

Pabst Science Publisher Lengerich (D)

2002, 468 pages,
ISBN 3-89967-014-0 (Europe)
ISBN 1-59326-062-8 (USA)
Price: 40,- Euro / US $

This text provides a comprehensive examination of relationships from a sociocultural and multiethnic standpoint. Edited by two internationally renown psychologists, it contains the contribution of 75 researchers and theorists from 15 countries. Many papers and topics of this volume span the gap between basic theory and practical applications, with a special focus on the resolution of difficult human problems in the unique contexts of their occurrence. The papers begin by reviewing the basic foundation of the development of relationships, and then consider how we as individuals begin to relate to others and the effects of such processes on self-development. Parent-child dynamics, couple relationships, adolescent development in cross-cultural perspective, the interactions between students and school, family and work relationships, and therapeutic and healing encounters are also examined. The book integrates perspectives from developmental, clinical, cross-cultural, organizational, school, and transpersonal psychology in a rich variety of contexts.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Anna Laura Comunian and Uwe P. Gielen (Eds.)
It’s All About Relationships

Anna L. Comunian & Uwe P. Gielen: Preface: An Appreciation to All Contributors  
Florence L. Denmark: Foreword
Juris G. Draguns: Foreword: Human Relationships in Their Cultural Diversity

SECTION I: BASIC PERSPECTIVES ON SELF AND RELATIONSHIPS
Marco Sambin & Diego Rocco: The Relationship Forms the Object, the Object Forms the Relationship
Paolo Inghilleri: A New Perspective on Self-Development: From Subjective Experience to Psychosocial Action
 Edith H. Grotberg with Sandra Neil & Maria McCarthy: Resilience and Disasters

SECTION II: FAMILIES AND CHILDREN
Margaret Kobue: The Shift from Extended to Nuclear Families and Other Emerging Patterns in Black Africa: Impact of Inherent Relationships on the Young
Maureen Tanyi: Types of Parental Relationship and Levels of Children’s Adjustment to Schools in Cameroon
Donna Goetz and Chizuko Sugita: Mother-Daughter Relationships in Japan and the United States of America
Anna L. Comunian: A Review of Italian Research on Rohner’s Parental Acceptance-Rejection Theory
M. Gawain Wells, David Law, & Jennifer Johnson: Applications of Attachment Theory to Parent Training

SECTION III: CHILDREN AND STUDENTS IN THE MULTIETHNIC SOCIETY
Barbara Testolin: The Child and the Family in the Multiethnic Society
Mauro Gonzo: The Project "The Child and the Family in the Multiethnic Society": Creating Better Relations between Italian and Foreign School Children

SECTION IV: COUPLE RELATIONSHIPS: PERCEPTIONS AND REALITIES
Maria Lúcia Rocha-Coutinho: New Options, Old Dilemmas: Close Relationships and Marriage in Brazil
Maria Cristina Ferreira: Gender Stereotypes in Brazilian Society: An Analysis of Their Dynamics
Rita D’Amico: Guilt in Couple Relationships: A Gender Analysis
Silvia Sara Canetto: Fatal Relationships

SECTION V: ADOLESCENTS
Vivian Seltzer, Natividad Dayan, Dap Louw, & Daty Majzub: Adolescent Maturity Assessments and Educational Influence Persons: A Six-Nation Study
Antonella Delle Fave, Marta Bassi, & Fausto Massimini: Quality of Experience and Daily Social Context of Italian Adolescents
Elaine Leader: Growing Up Gay

SECTION VI: SCHOOLING AND CAREER DEVELOPMENT
Eveline Maria Leal Assmar, Maria Cristina Ferreira, Alicia G. Omar, & Hugo Uribe Delgado: Social Motivation and Academic Performance Among Brazilian and Argentinean Students
Christoffel P.H. Myburgh & M. Poggenpoel: Predictors of the Work Ethics of South African Adolescents in Township Schools
Joan H. Rollins, Mary Zahm, Gary Burkholder, & Peter F. Merenda: Development of the Proactivity Scale to Predict Non-Intellectual Factors Related to Student Retention and Achievement
Patricia J. Fontes, Teresa Manuela Ramao, & Celia Sousa: Measuring Teacher Perception of a Model of Environmental Education and of its Impact on Teaching Practice
Amos A. Alao: Fostering Career Development of Youths in Botswana: The Role of Employers
Warren D. Keller & Kim L. Tillery: The Relationship Between Attention Deficit and Auditory Processing Disorders

SECTION VII: GEMS OF CROSS-CULTURAL RESEARCH
Arménio Rego: Citizenship Behaviors of University Teachers: The Graduates’ Point of View
Patricia J. Fontes & Ana Paula Macedo: Cultural Mediation by Schools and Museums: Results of an Action Research Project in Portugal
JW P. Heuchert: Relationships between the Scores on Psychological Measures of Racial Groups in South Africa: Pre- and Post-Apartheid
Ana Guil Bozal: The Elderly in Spain: Data, Stereotypes, Needs
Elham A. Khalil: A Survey of Aesthetic Research Studies in Arab Countries

SECTION VIII: PSYCHOLOGISTS IN THE WORLD OF WORK: JOB SATISFACTION AND LEADERSHIP
Elicia C. Richter, C. Pietersen, & Dap Louw: Job Satisfaction of Psychologists in a Public Service Organization
Angela Maria Monteiro da Silva & Wilma Costa Souza: The Influence of Personality and Job Factors on the Burnout Syndrome Among Brazilian Health Professionals
Ann M. O’Roark: Leadership–The Next Generation: Synthesizing Knowledge About Effective Leadership
Kathy Sexton-Radek & Lawrence B. Carroll: Cross-Cultural Relationships in Education Systems: The United States and China Leadership Development Fellowship

SECTION IX: HEALING, THERAPY, AND COUNSELING
Luisa Meneghini: The Art of Preserving Health: Illnesses and Healers in 19th Century Italy
Harold A. Finkleman: Psychodynamic Frontiers: Counseling, Healing, and the Medicine Man’s Bundle
Jaswant L. Khanna: Spirituality and Transpersonal Psychotherapy
Satoru Nishizawa: Psychological Well-Being, Religion, Logos, Intuition, and Rational Emotiv
e Therapy
Antoinette D. Thomas & Denyse Dufresne: Osteopathic Healing in Children’s Drawings
SECTION X: HEALING AND REHABILITATION
Giovanni Marchioro, Fiorenza Barbato, Donata Sartori, & Orazio Vinante: Disease and the Process of Individuation
Jenny Littlewood & Alice Lovell: Debating Death and Negotiating Life: Tracing Professional Care for Women Having a Miscarriage
Andrea Zattin, Tania Sogoian, Antonia Maragno, & Manuela Soave: The Rehabilitation Counselor’s Role in the Planning of a Suitable Rehabilitation Program
Anna L. Comunian & Uwe P. Gielen: Physical Rehabilitation and the Family

     

 


       wpe3.jpg (8139 byte)

Brunetto Salvarani

Vocabolario minimo del dialogo interreligioso

Per un’educazione all’incontro tra le fedi

  Edizioni Dehoniane Bologna 2003; Pagine 120, Prezzo E 8

ISBN 88-10-14010-9

 È sotto gli occhi di tutti come la diversità religiosa sia entrata di prepotenza sulla ribalta mediatica. L’obiettivo umile del volume è contribuire a tracciare le basi e i presupposti di un incontro serio fra donne e uomini di fede cristiana con donne e uomini di fede “altra”, sulla linea di filoni ben presenti nella rivelazione biblica, nella storia delle Chiese cristiane e nei documenti del magistero. Il testo cercherà di stilare un primo “alfabeto del dialogo” per l’oggi, in funzione di un’auspicabile pedagogia del dialogo.

 Brunetto Salvarani da tempo si occupa di dialogo ecumenico e interreligioso, avendo fondato nel 1985 la rivista di studi ebraico-cristiani QOL; ha diretto dal 1987 al 1995 il Centro Studi Religiosi della Fondazione San Carlo di Modena. Saggista, scrittore e giornalista pubblicista, collabora con parecchie testate e fa parte del Comitato “Bibbia Cultura Scuola”, che si propone di favorire la presenza del testo sacro alla tradizione ebraico-cristiana nel curriculum delle nostre istituzioni scolastiche. È direttore della “Fondazione ex campo Fossoli”, vicepresidente dell’Associazione italiana degli “Amici di Nevè Shalom-Waahat as-Salaam”, il “Villaggio della pace” fondato in Israele da padre Bruno Hussar. Ha pubblicato presso gli editori Morcelliana, EMI, Tempi di Fraternità, Marietti, Paoline. 

 


sankaraw.jpg (18851 byte) Carlo Batà
L’Africa di Thomas Sankara

Le idee non si possono uccidere
4 agosto 1983: in uno dei paesi più poveri dell'Africa incomincia l'esperienza rivoluzionaria di Thomas Sankara. Il Burkina Faso tenta una via autonoma di sviluppo e incontra la resistenza di Banca Mondiale e Fondo Monetario. Sono costruite scuole per i bambini, centri di pronto soccorso per gli ammalati, dighe per consentire ai contadini di irrigare i campi. Dopo soli quattro anni Sankara viene ucciso e il paese ripiomba nella miseria: bambini falcidiati da fame e malattie curabili, il debito estero sempre più assillante, il saccheggio delle risorse naturali da parte delle multinazionali. Sankara aveva invocato il disarmo per costruire “un mondo più giusto e senza guerre”, anziché governato dalla forza delle armi e sbilanciato tra nord ricco e sud povero.
Pochi giorni prima della morte aveva affermato: “Abbiamo provato che è possibile eliminare lo sfruttamento, uscire dalla miseria e costruire la felicità per tutti. Quelli che vivono nel lusso sfruttando gli altri ci hanno combattuto e continueranno a farlo. Voi avete di che nutrirvi, ma se la popolazione è nella miseria e continua a restarci, un giorno vi impedirà di mangiare tranquillamente…”
Dalla prefazione di Padre Alex Zanotelli: Sankara parla della sofferenza della sua gente e di quella di oltre un miliardo di esseri umani, comprendendo che il mondo è diviso, come dice lui, tra “sfruttati e sfruttatori”.

 


chinosi.jpg (6387 byte)

 

SGUARDI DI MAMME- Modalità di crescita dell'infanzia straniera

Lia Chinosi

I bambini stranieri, le modalità di crescita e il rapporto con le loro mamme immigrate sono al centro della presente ricerca. Di fronte a una realtà multiculturale sempre più notevole con l'accrescersi dell'immigrazione in Veneto, la presenza dei bambini immigrati solleva uno degli aspetti più importanti da affrontare. Il presente volume è il risultato di una ricerca promossa dalla Regione Veneto sugli stili e modalità di cure della prima infanzia straniera all'interno del "Progetto iniziative sanitarie in materia d'immigrazione". Il presente saggio di Lia Chinosi riporta la sua esperienza con le mamme appartenenti alla cultura cinese, albanese, tunisina, senegalese e rom/sinti. Psicologhe e mediatrici culturali operanti nei diversi gruppi d'incontro si sono avvicinate a queste donne allo scopo di conoscere e valorizzare i modi in cui mettono al mondo e crescono i loro bambini. Le loro storie racchiudono le difficoltà nel rifarsi una vita in Italia, paese dove sono approdate e che le divide dalle conoscenze e pratiche delle proprie culture confrontante con nuovi stimoli, codici e pensieri. Con un approccio alla stessa volta teorico e testimoniale, vengono presentate le caratteristiche di ogni gruppo etnico di mamme, le condizioni storiche della crescita nel paese d'origine, le fasi della gravidanza, la nascita, il puerperio fino alle diverse cure dei bambini. Allattamento, abbraccio, manipolazione e parola si amalgamano in un'unica forma di comunicazione. È così che il presente saggio permette di confrontare le stesse esperienze vissute in modi diversi e mette in discussione quello che si è sempre ritenuto immodificabile sui metodi di allevamento ed educazione dei bambini. Esperienze diverse dalle quali sicuramente imparare a conoscere le persone con le quali condividiamo il quotidiano fatto di differenze. Esperienze che ci aiutano a conoscere noi stessi.

 


kossi2.gif (15560 byte) Kossi Komla-Ebri

ALL`INCROCIO DEI SENTIERI
I racconti dell`incontro

C'è chi la chiama “letteratura della migrazione”, ma suona come una produzione letteraria di serie B. In realtà, gli scrittori migranti sono donne e uomini dalle identità trasverse, che vivono all’interno di sé più culture contemporaneamente, sfuggendo a qualsiasi classificazione riduttiva. Portatori di identità multiple e di valori universali, utilizzano la scrittura come spazio virtuale d’incontro.

I racconti di Kossi Komla-Ebri, ambientati in Africa, in Francia e in Italia, attingendo al vissuto quotidiano, parlano di amore, di viaggi, di nostalgia, di fierezza e di dignità, smascherando gli stereotipi con lo strumento dell’ironia.

Komla-Ebri pratica l’oralitura, che consiste nel trasferire l’oralità tipica della cultura africana nella scrittura. I temi della narrazione lirica e civile sono approfonditi dall’autore stesso nelle interviste e nei Documenti della seconda parte, cui è aggiunto un apparato didattico per un’educazione interculturale in ambito scolastico e parascolastico.

 


cover_arezzo.gif (28312 byte)    

LA COMUNICAZIONE COME ANTIDOTO AI CONFLITTI
Dalle relazioni interpersonali alle dinamiche macrosociali


Atti del convegno interdisciplinare sulle politiche e le metodologie di prevenzione dei conflitti (Arezzo 17-18 maggio 2002, Facoltà di Lettere e Filosofia, Università di Siena).E' possibile prevenire le guerre? Come si possono disinnescare i focolai del terrorismo internazionale? Per quali motivi una divergenza di vedute o di interessi degenera in litigio, scontro, violenza? A chi possono rivolgersi due coniugi che vorrebbero separarsi pacificamente ma non ci riescono? Ci sono alternative ai tribunali nella risoluzione delle controversie commerciali? Questo libro affronta temi di grande attualità e si propone di fare il punto della situazione in merito alle conoscenze teoriche, alle ricerche e alle tecniche ed esperienze operative sulla dinamica dei conflitti e sulle possibilità di prevenzione, mediazione, risoluzione pacifica degli stessi. Come anticipa il titolo, il presupposto di fondo è che i conflitti degenerano e diventano distruttivi anche a causa di chiusure comunicative e di difficoltà nelle relazioni e pertanto aumentando le occasioni di comunicazione e migliorandone la qualità si può contribuire a gestirli in modo non distruttivo. Grazie ai contributi delle scienze umane e sociali oggi si conoscono abbastanza a fondo le cause e le dinamiche dei conflitti e siamo anche in grado, in certa misura, di trasformare i circoli viziosi in circoli virtuosi, cioè di trasformare uno scontro distruttivo in un confronto costruttivo, con impagabili ricadute positive sulla qualità della vita e sulla sicurezza del pianeta. 

 


noisiamoipoveriT.jpg (9579 byte) Ashwin Desai
Noi siamo i poveri
La nuova apartheid e i suoi protagonisti


Prefazione di Naomi Klein

Noi siamo i poveri ci trasporta nei sobborghi delle megalopoli del Sudafrica. Nella situazione politica ed economica del dopo apartheid, descrive l’inedita formazione di una comunità di lotta che ha saputo opporsi, con nuovi linguaggi e nuove forme di resistenza, alle misure di impoverimento imposte dalle multinazionali.
Noi siamo i poveri è il commovente ritratto di un’altra Africa. Lontano dall’immagine consolidata di un continente oppresso da miseria e povertà, questo libro descrive le inimmaginabili capacità di resistenza delle comunità più marginali. Ci racconta la storia di come disperazione e indigenza si sono rivoltate in un’opposizione organizzata e imprevista.
Ripercorre le tappe di formazione di un movimento che ha saputo dare un comune terreno alle minoranze più variegate. Ben lungi dal rappresentare un fenomeno locale, l’esempio delle lotte nel Sudafrica post-apartheid costituisce un modello senza precedenti per le lotte contro le politiche della globalizzazione su scala mondiale.
Noi siamo i poveri è contemporaneamente una delle riflessioni più lucide del pensiero post-coloniale e una delle più belle descrizioni del Sudafrica contemporaneo.

Ashwin Desai è uno dei più noti attivisti sudafricani. È docente universitario a Durban.

 


diagnosi della_diagnosi.jpg (2374 byte)    "Diagnosi della diagnosi"
 
a cura di Pietro Barb
etta, Paolo Benini, Roberta Naclerio
  Ed. Guerini, 2003


La ricerca critico interpretativa in psicologia clinica ha una tradizione e un rigore propri: l’approccio narrativo, i metodi etnografici, l’analisi del discorso, l’osservazione partecipante e la ricerca intervento sono alcune tra le metodologie utilizzate. In questo volume tali metodologie vengono impiegate per diagnosticare la diagnosi. Per leggere cioè, secondo diversi livelli di significato, come le categorie cliniche si collochino tra patologia e antropologia nella costruzione del discorso sanitario. Alcuni degli autori di questo volume pongono maggiore attenzione agli intrecci di gender, altri agli snodi istituzionali e comunitari, altri ancora focalizzano l’attenzione su questioni di biopolitica e di bioetica. L’attenzione alle pratiche sociali che nascondono e costruiscono le categorie diagnostiche è il tratto li accomuna.. Il clinico e l’operatore di comunità riconosceranno numerosi aspetti del loro agire quotidiano, lo studente potrà averne alcune anticipazioni, il ricercatore potrà trovare una molteplicità di sguardi possibili sulla patologia e la diagnosi.

 


La citta e le ombre.jpg (5313 byte)

  La città e le ombre. Crimini, criminali, cittadini
Alessandro Dal Lago, Emilio Qadrelli  - Feltrinelli - Milano

Frutto di una ricerca durata diversi anni, questo libro descrive, grazie a tecniche etnografiche, i mondi criminali di una città dell’Italia del Nord. Vecchi contrabbandieri, uomini d’onore e camorristi, rapinatori, organizzatori del gioco d’azzardo, ma anche prostitute, italiane e straniere, spacciatori, ladruncoli e bidonisti (le diverse ombre cui allude il titolo) raccontano le loro attività passate e presenti, oltre che i rapporti con clienti, vittime e complici. I mondi criminali, illustrati dalla viva voce dei protagonisti, risultano così inestricabilmente connessi alla vita quotidiana della città, anche se perlopiù invisibili.
L’immagine del crimine è molto diversa da quelle prevalenti nell’opinione pubblica. Se si escludono le attività di ladruncoli o scippatori (oggetto di una paura diffusa), i mondi criminali non sono altro che luoghi in cui vengono venduti beni e servizi per la società legittima: corpi da usare, sostanze proibite, azzardi clandestini, credito illegale. Il crimine appare come il retrobottega di un mondo abbacinato dal denaro e dal consumo. Questo libro vuole essere più di una descrizione sociologica. Benché cerchi di essere oggettivo e rinunci a qualsiasi compiacimento, non arretra di fronte alle realtà più dure della vita segreta di una città e disegna il racconto etnografico della sua storia
.

 


emigrar.jpg (54078 byte) “Emigrar: en busca de un espacio de amparo”, Ed. Granica - Ensayo.

Claudia Yelin

“Emigrar: en busca de un espacio de amparo” es un libro de la psicóloga argentina Claudia Yelin donde reflexiona sobre los miedos, las añoranzas, los logros y los desencuentros de su nueva vida, en los Estados Unidos. En el libro de Claudia Yelin,   encontramos lo personal de la experiencia y su mistura con el trabajo como terapeuta. Eso da elementos para diversas "migraciones", que a veces no necesitan tanta geografia por medio, alcanza con las diferencias culturales de pasar de un luego a otro....

http://www.lanacion.com.ar/Archivo/Nota.asp?nota_id=588238

 


islamnew.gif (8200 byte)    Global Muslim
Le radici occidentali nel nuovo Islam
di Olivier Roy

Agli occhi occidentali, l’Islam sembrerebbe rimandare un’immagine di solidità, identità e dinamismo, spesso condivisa dagli stessi islamici, quando si felicitano per la reislamizzazione avvenuta delle società musulmane. È questa la tesi che Roy mette radicalmente in discussione. Che si tratti di forme violente o moderate di reislamizzazione, è sempre l’Occidente, con i fenomeni di globalizzazione e di individualismo, a essere al cuore del processo. La propaganda su Internet, così come l’azione politica e terrorista, condividono dei modelli d’azione e di militanza tipicamente occidentali. Ma anche gli ingredienti delle nuove forme di religiosità occidentali sono onnipresenti, probabilmente all’insaputa degli stessi militanti islamici: fioritura individuale, bricolage di dottrine e di comportamenti su una base di incultura e attitudini settarie. Non si tratta quindi di scontro di civiltà: le tensioni legate oggigiorno all’Islam sono il segnale di un’occidentalizzazione mal vissuta e delle crisi che a cascata essa provoca.                                                                                                                                                  

 


 

 
In 'Atena nera', l'autore, servendosi di una strumentazione che include l'indagine storiografica, la fitologia classica e la sociologia della conoscenza, intende smascherare la tesi romantica sull'origine della civiltà greca. Secondo queste teorie, in voga in Europa nel Sette e Ottocento, la civiltà dei greci era totalmente diversa da quella dei popoli a loro limitrofi e veniva considerata superiore e unica madre della civiltà europea. Bernal contrappone a questo modello quella che lui stesso definisce come un'interpretazione 'antica', la stessa impiegata dai greci stessi, ben consapevoli che la loro civiltà nasceva da un fitto incrocio di scambi e di influenze con le più antiche civiltà semitiche africane, loro vicine. Vedi anche:

http://www.dissidenze.com/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=83 

http://it.wikipedia.org/wiki/Atena_nera 

 


  GENEALOGIA DELLA RIVOLTA. ARGENTINA. LA SOCIETÀ IN MOVIMENTO Raùl Zibechi - Luca Rossella Editore.


19 e 20 dicembre 2001 Buenos Aires momento di instabilità, asse delle riflessioni di Raùl Zibechi. Cosa successe di diverso quella notte in cui "non c'erano classi"? quale il terreno su cui è potuta nascere una vera insurrezione di un movimento sociale eterogeneo?
Conoscere le strade di un'Argentina viva è qualcosa di emozionante, perché emozionanti le parole, perché emozionanti le esperienze che queste descrivono: MADRES, HIJOS, PIQUETEROS, MTD, LA TRIBU, RED ACCION. Percorsi diversi, movimenti sociali forti, peculiari,originali. Espressioni di un'evoluzione umana, della possibilità reale, testimoniata da nomi e date, di cambiare le categorie, le azioni, le visioni ,i soggetti che fino ad oggi hanno dimostrato solo la loro insufficienza. Protagonisti nuovi sono le donne, le madri, i disoccupati, gli indigeni, i giovani; forme di lotta nuove entrate in scena accanto alla sensibilità: riscoprendo la basilarità del territorio, del corpo, della fraternità, dell'orizzontalità, della partecipazione realmente sperimentati. Queste le nuove rivoluzioni, facendo saltare la vecchia logica del potere-forza, del patriarcato, della rappresentanza, dei sindacati e dei partiti per un sentire più vero, che diventi potere-capacità di ognuno di autoregolarsi. Ripercorrere la nascita e la crescita di questa moltitudine in movimento fino a quella notte
straordinaria provando che qualcosa di migliore in questo mondo è possibile, è il regalo di zibechi e delle esperienze di cui è narratore in queste pagine argentine pulsanti come la terra e il cuore.
       

 


y020.jpg (15175 byte) Metix - Cinema globale e cultura visuale
Anna Camaiti Hostert*, Meltemi, 2004

Cosa lega Chinatown e Apocalypse Now, la sottile linea rossa e A.I., Mississippi Masala e Minority Report? È il ruolo schiacciante dei conflitti: tra uomo e natura, tra uomo e macchina, tra “pazzia” e “normalità”, tra culture, etnie, religioni. Anna Camaiti Hostert ha scelto di indagare questa costante dai luoghi diasporici dei visual studies, avvalendosi degli strumenti della fiction, e in particolare del cinema, che meglio rappresenta identità in progress in quanto combina strettamente elementi tecnologici e processi culturali. Il rapporto sempre più stretto e inquietante dell’individuo con la tecnologia da un lato, e le contaminazioni tra Occidente e mondo postcoloniale dall’altro impongono alla cultura visuale globalizzata di ricodificare la nostra esistenza. Elemento imprescindibile di questo nodo teorico è per l’autrice la forza dirompente della differenza sessuale. A partire dall’11 settembre, fino alla guerra in Iraq, attraverso l’uso “contaminato” e intervisuale dei media, il libro ricostruisce i tortuosi percorsi lungo i quali si collocano eventi che hanno irrimediabilmente segnato le nostre vite, e sottolinea la fondamentale importanza che i processi transculturali stanno già esercitando nella società contemporanea.
*Anna Camaiti Hostert si occupa di filosofia, teoria delle identità e visual studies con particolare riferimento al cinema. Ha insegnato nelle università di Roma, Chicago, Los Angeles, New York. Tra le sue pubblicazioni: Passing. Dissolvere le identità, superare le differenze (1996); Screening Ethnicity. Cinematographic Representations of Italian Americans in the United States (2002, uscito nello stesso anno in versione italiana) e Sentire il cinema (2002).         

 


MATVEJEVIC.gif (29339 byte)

Mediterraneo. Un nuovo breviario.

Predrag Matvejevic

Garzanti, Milano, 1991

« Trattato poetico-filosofico », « romanzo post-moderno », « portolano », « diaro di bordo », « libro di preghiere », « midrash », « raccolta di aforismi », « antologia di racconti-saggio », « cronaca di un viaggio »: sono queste alcune delle definizioni che hanno accolto "Mediterraneo", un libro che le accetta tutte e insieme le trasgredisce, in una sfida ai generi letterari che affonda le sue radici nel saggismo classico. ...

 


ilnordesteilT.jpg (8038 byte)

DEVI SACCHETTO - IL NORDEST IL SUO ORIENTE - Derive Approdi - Le scienze sociali hanno a lungo considerato la dissoluzione della comunità come un processo traumatico anche in condizioni pacificate. Sulle sue rovine si staglia la dimensione delle individualità che lo struttural-funzionalismo aveva trascurato. Quando poi la causa della dissoluzione è la guerra, il panorama sociale si frantuma e appaiono nuove recinzioni.
Questo volume indaga sul campo le vicende del Kosovo e della Romania e le loro conseguenze nel Veneto, la regione che più di altre ne ha raccolti i frutti. Nel caso del Kosovo l’autore documenta sia i prodromi del conflitto sia gli esiti migratori del dopoguerra. In Romania, anche se il passaggio è stato meno cruento, la politica della "porta aperta" ha provocato un’irruzione di capitali stranieri e un’emigrazione verso Occidente tanto agognata quanto sofferta. Infine, il transito e l’inserimento nel Veneto di questi migranti sono posti in rilievo attraverso le testimonianze dirette dei loro protagonisti. Ai movimenti di uomini e donne corrisponde poi la mobilità di un "capitale migrante" incarnato da imprenditori e da operatori umanitari, che si è mosso verso l’Europa sud-orientale con esiti sorprendenti, talora disegnando mondi forse ancora più ristretti e bellicosi delle precedenti comunità.

Il confine si configura quindi come una delle categorie centrali nell’interpretazione delle tendenze in atto. Lo scontro tra le ragioni del contatto e quelle delle nuove recinzioni stabilisce così il nucleo centrale di indagine tanto delle realtà kosovara e rumena quanto della società veneta in cui i migranti di quelle aree svolgono un ruolo sempre più centrale.

Devi Sacchetto svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Sociologia dell’Università di Padova e il Dipartimento di Scienze Antropologiche dell’Università di Genova. Tra i suoi lavori recenti: La vita degli insegnanti (in A. Dal Lago, R. De Biasi (a cura di), Un certo sguardo, 2002); Work and Family Flexibility: an Interpretation of Italian Transformation (in P. Ackers, The Employment Relationship and the Family Life, 2003).

 


baroromano.jpg (8600 byte)

 

Baro romano drom. La lunga strada dei rom, sinti, kale, manouches e romanichals.

di Alexian Santino Spinelli (Meltemi, 2003, 17,00 euro)

E' un libro che conviene cominciare... dalla fine, onde percorrere «la lunga strada dei rom, sinti, kale, manouches e romanichals» con lo spirito giusto. L'autore - musicista, poeta e docente di lingua e cultura romaní - raccomanda infatti di tenersi lontani dagli stereotipi, anche dai più romantici, che mitizzano lo zingaro «libero» come se fosse «un reperto archeologico fisso e immutabile». Difficile stabilire l'origine delle innumerevoli migrazioni di questo popolo antichissimo di origine indoariana che non ha mai potuto scrivere la propria storia: l'uso scritto della lingua romaní, tramandato oralmente per dieci secoli, nonostante il succedersi delle politiche di annientamento, ha prodotto infatti una propria letteratura soprattutto nella seconda metà del Novecento, e particolarmente negli ultimi trent'anni. Ma le tracce che i rom hanno seminato nel corso dei secoli, incrociandosi ad altre culture, resistono al tempo. Tracce di futuro, dice con passione Spinelli, che confida soprattutto nelle donne, sempre più attive e coscienti nella difesa dei propri diritti. Ai gitani dell'Andalusia meridionale, che si definiscono flamencos, è invece dedicata una ricerca dell'antropologa Caterina Pasqualino.
Dire il canto (Meltemi, 2003, 25 euro), segue la danza che accompagna i giorni dei gitani di Jerez, e che attira e disorienta, coscienza «tragica e insieme gioiosa dell'effimero». È l'offerta di questo gruppo alla comunità in cui vivono e all'identità andalusa, di cui sono parte e a-parte. È il dono dello zingaro all'umanità intera, a cui appartiene la civiltà romaní, termometro del livello di vivibilità di ogni società degna di questo nome.

 


lapellegiusta.jpg (7584 byte)

La pelle giusta
Paola Tabet

Einaudi, 1997

"Se i miei genitori fossero neri...". In duecento temi dalle scuole di tutta Italia il razzismo così come lo vedono e lo sentono i bambini. Da una imponente massa documentaria la Tabet ha scelto i duecento temi più significativi, pubblicandoli integralmente. Ne esce un quadro drammatico, fatto prevalentemente di rifiuto radicale, ma anche di pietà e di compassione, che arrivano a una sorta di consapevolezza della drammaticità del problema.

 


orientalismo.gif (5383 byte)   Orientalismo di Edward Said - Feltrinelli 

Muovendo dall’accezione più ampia del termine – orientalismo come insieme delle discipline accademiche che studiano usi, costumi, letteratura e storia dei popoli orientali – Said affronta l’idea della diversità ontologica tra Oriente e Occidente ispiratrice di tante pagine di autori diversi e lontani, da Eschilo a Victor Hugo, da Dante a Marx, chiudendo l’indagine sul complesso di istituzioni create dall’Occidente per esercitare il proprio dominio sul mondo orientale.
"Orientalismo è un ripensamento di quello che per secoli è stato ritenuto un abisso invalicabile tra Oriente e Occidente. Il mio scopo non era tanto eliminare le differenze - chi mai può negare il carattere costitutivo delle differenze nazionali e culturali nei rapporti tra esseri umani? - quanto sfidare l'idea che le differenze comportino necessariamente ostilità, un assieme congelato e reificato di essenze in opposizione, e l'intera conoscenza polemica costruita su questa base. Ciò che auspicavo era un nuovo modo di leggere le separazioni e i conflitti che avevano provocato ostilità, guerre e l'affermarsi del controllo imperialista."
"Orientalismo è un ripensamento di quello che per secoli è stato ritenuto un abisso invalicabile tra Oriente e Occidente. Il mio scopo non era tanto eliminare le differenze – chi mai può negare il carattere costitutivo delle differenze nazionali e culturali nei rapporti tra esseri umani? – quanto sfidare l’idea che le differenze comportino necessariamente ostilità, un assieme congelato e reificato di essenze in opposizione, e l’intera conoscenza polemica costruita su questa base. Ciò che auspicavo era un nuovo modo di leggere le separazioni e i conflitti che avevano provocato ostilità, guerre e l’affermarsi del controllo imperialista.
Anche se le diseguaglianze e i conflitti da cui è nato il mio interesse per l’orientalismo come fenomeno culturale e politico non sono scomparsi, oggi si è perlomeno raggiunto il consenso sull’idea che tutto ciò non rappresenta una situazione immutabile, bensì un’esperienza storica la cui fine (o perlomeno il cui parziale superamento) può essere a portata di mano." (dalla Postfazione)

 


y013.jpg (18866 byte) Paul Gilroy
The Black Atlantic
L'identità nera fra modernità e doppia coscienza

The Black Atlantic è un’articolata e complessa riflessione sul dibattuto tema dell’identità nera. Il suo obiettivo principale è quello di delineare i contorni storici di una cultura nera transatlantica e delocalizzata prodotta e riprodotta dalla circolazione intercontinentale di migranti, merci, idee, immagini e oggetti artistici iniziata con la schiavitù. Una (contro)cultura diasporica intesa come forma transnazionale di creatività e quindi irriducibile alle singole fonti – Africa, Americhe, Caraibi, Europa – da cui trae origine. Capire la cultura black non significa dunque andare alla ricerca di una qualche supposta essenzialità etnica, ma rintracciare i diversi percorsi di questa grande diaspora che rappresenta una sfida a riconsiderare i problemi della nazionalità, dell’appartenenza, dell’identità e della memoria. Tuttavia, il progetto di Paul Gilroy non va nella direzione di quell’anti-essenzialismo sempre più di moda in discipline come l’antropologia o i cultural studies e si pone in aperta polemica tanto con i proclami del decostruzionismo postmoderno più semplicistico, quanto con il nazionalismo più intransigente. Attraverso un accurato studio della musica, della letteratura e della produzione di alcuni dei più importanti intellettuali neri, Gilroy concentra l’attenzione su ciò che “permane” nella cultura e nell’esperienza dei neri nonostante gli effetti disgreganti della storia, cercando di offrire strumenti e concetti più raffinati ed efficaci di quelli tradizionali sia alla pratica politica anti-razzista che alla teoria sociale contemporanee.

Paul Gilroy, sociologo e studioso afro-britannico, insegna Sociologia e Studi afro-americani alla Yale University. Già professore di Sociologia al Goldsmith’s College dell’Università di Londra, ha scritto, tra l’altro, There Ain’t No Black In The Union Jack (1987), Small Acts: Thoughts On The Politics of Black Cultures (1993).

 

 


MATRIMONI COMBINATI.gif (9855 byte) Chitra Banerjee Divakaruni
Matrimonio combinato

EINAUDI 

Matrimoni sbagliati, vocazioni lontane, tradizioni soffocanti: undici racconti di donne, forti e determinate a ridefinire la loro identità, tra Calcutta e San Francisco. Storia dopo storia le protagoniste di questi racconti finiscono per sembrare tante variazioni di un unico personaggio centrale: la giovane donna indiana immigrata negli Stati Uniti alle prese con progetti matrimoniali, obblighi coniugali, questioni patrimoniali. Tutte ugualmente «in bilico», le donne della Divakaruni vivono sulla propria pelle il conflitto fra l'antica società patriarcale e le nuove vite dove sperimentare soddisfazioni e angosce inedite. Molte di loro sceglieranno di deludere le aspettative tradizionali, di andare a convivere, di liberarsi di un marito crudele o piú semplicemente di indossare abiti occidentali. Ricomporre le loro esistenze secondo nuovi schemi non sarà né facile, né indolore.

 


SERBI CROATI SLOVENI.jpg (11681 byte) SERBI CROATI SLOVENI

Pirjevec Joze2002 - Il Mulino

I. Serbi - Dall'insediamento nei Balcani alla battaglia del Kosovo - All'ombra del sultano - Le grandi migrazioni - Il Montenegro e la Russia zarista - Dal pascialato di Belgrado alla nascita dello stato serbo - Tra Jugoslavia e Grande Serbia - L'età delle congiure: "la mano nera" - L'attentato di Sarajevo e la Grande Guerra - Il Regno dei serbi, croati e sloveni: nasce la Jugoslavia - La Seconda guerra mondiale: tra cetnici e partigiani - La nuova Jugoslavia - Etnie a confronto - I presupposti della crisi: dal problema del Kosovo alla guerra di conquista - Guerra e sconfitta
II. Croati - Un mosaico di dialetti - Nell'orbita ungherese - Alla ricerca di un equilibrio tra gli Asburgo e Venezia - Il lento tramonto della repubblica di Dubrovnik - Il "rinascimento slavo" e l'idea della Grande Illiria - Il problema croato come problema europeo - La questione della Bosnia-Erzegovina e i moti studenteschi - I rapporti con l'Italia: Fiume, l'Istria e la Dalmazia - Riemerge il nazionalismo croato: gli utascia - Il partito comunista croato - Il ruolo degli intellettuali - La folle guerra del 1991. La vittoria e l'avvio alla normalità
III. Sloveni - Alla ricerca di un'identità politica - Le rivolte dei contadini - Primož Trubar e la riforma protestante come rinnovamento culturale - L'apertura dei "tempi nuovi" - Il problema nazionale: dall'austroslavismo al programma jugoslavo - Il fronte isontino nella Prima guerra mondiale - Nell'orbita della Serbia - Germania e Italia: due pericolosi vicini - La resistenza slovena - La questione di Trieste - Sotto il segno di Tito: una Jugoslavia unita, ma non troppo - I difficili rapporti con Belgrado - 1991: nasce lo stato sloveno - La transizione
- Glossario minimo - Bibliografia - Indice dei nomi

 


Robert J. C. Young
Introduzione al postcolonialismo
Che cos’è il postcolonialismo? Molti potrebbero essere i modi per definire un concetto divenuto negli ultimi anni cruciale per le scienze sociali, ma che si riferisce a un insieme piuttosto eterogeneo di idee e di pratiche. Al più classico, quello di offrirne una spiegazione teorica, astratta, l’autore di questo agile e brillante volume ha preferito un “montaggio per fotogrammi”, per istantanee, che immortala situazioni, esperienze e testimonianze esemplari delle contraddizioni storiche del presente, scandendole con i pensieri di alcuni dei più rappresentativi autori del settore. Un approccio, come egli stesso lo definisce, “dal basso”. È così che egli ci illustra le conseguenze politiche, sociali e culturali della decolonizzazione, collocando il dibattito in un contesto culturale aperto, usando come esempi le situazioni delle società indigene contemporanee, o di coloro che sono stati privati della propria terra, parlando della musica raï algerina, del femminismo postcoloniale, dei movimenti global sociali ed ecologici. Ma soprattutto Young sostiene che il postcolonialismo offra una visione del mondo differente, e quindi una filosofia politica “attivista” che denuncia e contesta la condizione attuale di ineguaglianza globale, e che prosegue, in una forma diversa, le lotte anticolonialiste del passato. “Per prima cosa, il postcolonialismo si propone come un’altra forma di intervento politico sulla realtà, si prefigge l’inserimento dei suoi saperi alternativi nelle strutture di potere tanto occidentali quanto non occidentali. Cerca di cambiare il modo in cui la gente pensa, il modo in cui si comporta, vuole dare vita a un rapporto più giusto ed egualitario tra le diverse popolazioni del mondo”. Robert J. C. Young

Robert J. C. Young è professore di Inglese e Teoria critica all’Università di Oxford e Fellow del Wadham College di Oxford. Tra le sue pubblicazioni: Colonial Desire: Hybridity in Culture, Theory and Race (1995) e Postcolonialism: An Historical Introduction (2001). È direttore generale di "Interventions: International Journal of Postcolonial Studies".

 


Miguel Mellino
La critica postcoloniale
Decolonizzazione, capitalismo e cosmopolitismo nei postcolonial studies
“Postcoloniale” è ormai diventato uno dei termini chiave della teoria sociale. Sulla scia di questo successo, negli ultimi anni, soprattutto nei paesi anglosassoni, ha preso corpo un imponente campo transdisciplinare di studi e di ricerche socioculturali su alcune delle questioni più urgenti del mondo globale contemporaneo: quello dei postcolonial studies. Tuttavia, in Italia, postcoloniale e postcolonialismo non sempre appaiono come nozioni chiare e ben definite. A volte si presentano come contenitori capaci di promuovere concezioni e orientamenti teorici, epistemologici e politici intrinsecamente contraddittori. Questo volume, proponendosi come una genealogia critica degli studi postcoloniali, offre al lettore i contorni di un dibattito recepito finora nel nostro Paese in modo del tutto frammentario. Passando in rassegna le tematiche più ricorrenti e il lavoro degli autori più impegnati in questo campo (Said, Bhabha, Spivak, Hall, Gilroy, Young, Clifford, Appadurai), l’autore intende mettere in luce sia lo sviluppo storico del postcolonialismo sia il suo rapporto con le principali correnti della teoria sociale: il marxismo, il postmodernismo, il decostruzionismo, il post-strutturalismo. A partire dall’approfondimento di alcuni dei suoi concetti chiave – cosmopolitismo, globalizzazione, colonialismo, diaspora, critica culturale – sostiene quindi che il futuro di un campo di studi eminentemente politico come quello dei postcolonial studies non potrà che dipendere dalle posizioni che vi emergeranno in riferimento ai conflitti più pregnanti del mondo di oggi.

Miguel Mellino, dottore di ricerca in Scienze etnoantropologiche, svolge attività didattica e di ricerca presso la cattedra di Antropologia Culturale dell’Università degli Studi di Napoli L’Orientale. Si occupa di studi postcoloniali, cultural studies e di ricerca antropologica sulle società complesse, in particolare sulle migrazioni, sul razzismo e sul multiculturalismo. Ha curato e tradotto l’edizione italiana di The Black Atlantic. Modernità e doppia coscienza di Paul Gilroy (2003).

 


 

Augusto Illuminati
Averroè e l'intelletto pubblico
Antologia di scritti di Ibn Rushd sull'anima

Manifesto Libri - 1996 pp. - 224 9,30 €


In tempi di integralismo è di moda ricordare l'andaluso Ibn Rushd (1126-1198), latinamente Averroè, come il maggior fautore del dialogo tra cultura islamica e greca. Così, però, si rischia di sottovalutare l'originalità e la grandezza di questo "autore maledetto". Averroè sviluppa in una direzione rivoluzionaria la filosofia aristotelica influenzando le correnti materialistiche del Rinascimento. La sua teoria dell'intelleto agente torna oggi di attualità nel confronto con la nozione marxiana di "general intellect". Con la dissoluzione foucaltiana del soggetto, con il concetto di competenza linguistica di Chomsky. Si presenta qui un'antologia di testi di Averroè finora mai tradotta in italiano, accompagnati da un'ampia introduzione.

 


 
Terre di esodi e di approdi
Emigrazione ieri e oggi 

A cura di Pasquale Guaragnella e Franca Pinto Minerva 
Collana: Quaderni Irre Puglia
 

Il volume analizza le problematiche dell’emigrazione attraverso molteplici angolazioni: economica, demografica, storica, letteraria, antropologica, fotografica, cinematografica. Leggere la realtà delle migrazioni mediante l’apporto di più discipline permette di attraversare i sofferti eventi delle partenze e degli arrivi alla ricerca di nuove prospettive di lettura e interpretazione. Fughe, transiti, permanenze hanno prodotto una abbondanza di tracce storiche, letterarie, politiche, antropologiche, artistiche. In particolare in Italia, l’esperienza dell’emigrazione e quella più recente dell’immigrazione hanno comportato le mutazioni dei paradigmi identitari dei viaggiatori – sradicati dal contesto d’origine e immersi in drammatiche esperienze di precarietà e disorientamento – ma anche la sperimentazione della pluralità dell’appartenenza caratterizzata dalla varietà dei costumi, delle tradizioni, degli stili di vita, dei modi di pensare, delle pratiche religiose.

 


 
Il paese delle maree 
Ghosh, Amitav - Neri Pozza
“IL PAESE DELLE MAREE” è un arcipelago di isole che si estende  dal Bengala occidentale al Bangladesh, di fronte a Calcutta. Non ci sono confini tra acqua dolce e acqua salata, le correnti alterano di continuo la fisionomia delle isole, sommerse ogni giorno dalle maree che inghiottono le foreste. Questa zona dell’India è la meta dei due personaggi principali del  romanzo dello scrittore indiano, Kanai e Piya. Sono entrambi degli outsider,  in qualche modo ai margini della società locale. Entrambi si recano nel Sundarban per una ricerca- lui per esaminare delle carte che lo zio gli ha lasciato, lei, una biologa marina, per studiare il comportamento del delfino di acqua dolce.  E, in una maniera affascinante e insolita, si intrecciano le due tematiche del libro, quella della comunicazione e del linguaggio e quella della protezione delle specie. Kanai, in quanto interprete, dovrebbe essere lo specialista della comunicazione, è lui che ha il compito di tradurre le istruzioni e le esigenze di Piya al giovane Fokir che guida l’imbarcazione nei canali fra le isole, sulla traccia dei delfini. 
   Un personaggio singolare, Piya, che si riavvicina alle sue origini studiando i delfini di acqua dolce- e qui si inserisce il tema, più polemico e politico, delle specie protette. Non solo dei delfini, ma anche delle tigri e degli esseri umani: quanti sanno che le tigri nel Sundarban ammazzano una persona ogni due giorni e che invece nell’isola di Morichjhapi c'era stato  un massacro di profughi del Bangladesh, accusati di volersi appropriare del terreno? Perché è questo dramma che racconta lo zio di Kanai nel diario lasciato al nipote, il sogno utopico di una comunità finito in un bagno di sangue.

 


 
Benvenuto in classe!
Percorsi di letto-scrittura e di apprendimento intensivo della L2 per bambini stranieri
Annamaria Gatti

Molti degli alunni stranieri che cominciano a frequentare la scuola nel nostro Paese non possiedono ancora un’adeguata conoscenza della lingua italiana e per questo non riescono a comunicare con gli insegnanti e con gli altri bambini, rischiando di restare esclusi dalla normale vita scolastica. Per facilitare la loro integrazione anche in classi successive alla prima della scuola primaria, questo volume propone un corso di italiano come L2 che li accompagnerà nei momenti iniziali dell’apprendimento della lingua funzionale e del processo di letto-scrittura, secondo una metodologia che favorisce l’accostamento del livello grafemico a quello fonemico.
Attraverso divertenti schede operative e un utile alfabetiere a colori i bambini potranno facilmente arricchire il loro vocabolario e acquisire a poco a poco maggiore sicurezza nella nuova lingua, aiutati anche dai loro compagni, che potranno essere coinvolti in maniera attiva dagli insegnanti.
Oltre a suggerire proposte operative efficaci e motivanti, questo libro aiuta anche a riflettere sul modo migliore di accogliere e favorire l’inserimento dell’alunno straniero nella classe, sostenendolo in questa complessa fase della sua crescita.

 


 

Nuovi cittadini in Europa, Nuovi diritti nelle città                             Immigrazione, partecipazione politica e diritto al voto- Edizioni Melting Pot Europa

A cura della Cooperativa Caracol - Alberto De Nicola, Paolo Do, Serena Fredda, Serena Orazi, Francesco Raparelli, Davide Sacco.

Il volume contiene la ricerca svolta dalla Cooperativa Caracol all’interno del progetto 'Verso il municipio dei nuovi cittadini', promosso dal Comune di Venezia per lo sviluppo della cittadinanza piena per i migranti residenti.
Il progetto di ricerca sul diritto di voto locale per gli stranieri mette in rilievo appieno l’attitudine e lo stile di lavoro della Cooperativa: si tratta di un lavoro locale, radicato e quotidiano, ma che guarda con attenzione e cura agli aspetti globali, nella convinzione che tra locale e globale non ci sia più differenza, né tanto meno gerarchia, in un senso come nell’altro. Il tema del voto e dell’accesso alla cittadinanza politica per gli immigrati è affrontato all’interno della cornice europea, del suo processo di costituzionalizzazione, e attraverso lo sguardo privilegiato delle Città e delle pratiche di partecipazione municipale.
La ricerca, realizzata per intero tra il mese di gennaio e quello di settembre del 2004, tenta di offrire uno sfondo di respiro ampio, tenta di connettere e di descrivere esperienze pratiche, affinché il campo delle proposte, contingenti e concrete, sia profondo e ricco.
Il progetto della ricerca e del
seminario Nuovi cittadini in Europa, nuovi diritti nelle città: amministratori e giuristi a confronto per il riconoscimento per il diritto di voto per i cittadini stranieri svoltosi a Venezia il 16 aprile 2004, che riportiamo per intero tra i Materiali nella parte conclusiva del libro insieme alla mozione della Commissione Immigrazione dell’Anci, hanno avuto al centro la questione del diritto di voto locale e della partecipazione politica degli stranieri nel quadro europeo e nazionale. - Il libro si può richiedere scrivendo al nostro indirizzo di posta elettronica redazione@meltingpot.org .

 


 
TI RACCONTO IL MIO PAESE - SERBIA E MONTENEGRO
Autore: Ramona Parenzan; Nada Strugar
Editore: Vannini

Serbia e Montenegro, dopo Cina e Albania, è il terzo volume della collana Ti racconto il mio Paese. Si tratta di un volume ricco di testimonianze, immagini, interviste e spunti per attività di laboratorio sul tema dell’interculturalità. La lettura di fiabe e leggende popolari, che qui si trovano in versione bilingue, ma anche la descrizione di rituali della tradizione, filastrocche, ricette, canzoni e interviste a giovani serbi che ora vivono in Italia, permettono di ricostruire delle piccole “genealogie”: storie individuali o collettive, che esplorano anche modelli di comportamento maschili e femminili, relazioni parentali e comunitarie, valori e riferimenti ritenuti importanti. Il testo si pone molteplici obiettivi, tra i quali quello di dare la possibilità di scoprire la varietà e la complessità di questi due piccoli Paesi, a noi noti quasi esclusivamente per la guerra degli anni ’90. Allo stesso tempo, si è voluto predisporre “materiale vivo”, fiabe, poesie, giochi, filastrocche e indovinelli, da declinare in attività didattiche con gli alunni italiani e stranieri. Le pagine del libro sono arricchite da materiale iconografico diverso: i disegni dei bambini vincitori del 3° concorso Joy of Europe, organizzato ogni anno dal Children’s Cultural Center Belgrade, alcune fotografie originali, le illustrazioni create per noi dal pittore Riccardo Maffioli ed anche, pagine tratte da testi scolastici e pagine tratte da testi per ragazzi della Kreativni Centar, importante editrice belgradese. Si è, infine, voluto dare spazio, fra le tante minoranze, alla cultura rom proprio perché nelle scuole italiane consistente e sempre maggiore è la presenza di alunni rom, provenienti dalla ex Jugoslavia. Al lettore viene lasciata la possibilità di cogliere luci ed ombre, così come alcune contraddizioni che abitano il passato e la contemporaneità di questi popoli ricchi di storia e cultura.

 


 
Oltre la cittadinanza
Partha Chatterjee
Meltemi
Scritto da uno dei più noti esponenti della critica coloniale contemporanea, questo libro è un contributo di grande importanza alla comprensione della natura della democrazia nel mondo di oggi. Partha Chatterjee ci accompagna in un avvincente viaggio attraverso la “politica popolare” nell’India contemporanea e ci introduce al labirinto di quella che definisce la “società politica”, tra gli slum di Calcutta e nelle campagne del Bengala Occidentale. Qui, lontano dalle retoriche della “società civile”, della “cittadinanza” e del “governo del popolo”, la democrazia viene quotidianamente reinventata da popolazioni capaci di scontrarsi, di convivere e di negoziare in forme inedite con le tecniche della governamentalità postcoloniale. Collocandosi nel più generale contesto della politica mondiale dopo l’11 settembre, l’analisi di Chatterjee inaugura un nuovo modo di guardare al futuro della democrazia. E ci invita, come l’autore scrive espressamente nell’introduzione all’edizione italiana, a sondarne la produttività anche nel contesto europeo e occidentale.

 


 
I COSTRUTTORI DI
TRAPPOLE DEL VENTO
Alfredo Ancora - Franco Angeli Milano
I costruttori di trappole del vento - metafora presa in prestito dalla medicina tradizionale cinese - sono gli operatori della salute mentale che cercano di imbrigliare il vento - la sofferenza psichica - pur riconoscendone le enormi difficoltà.
Il volume offre un percorso didattico e di aggiornamento, con illustrazione di casi clinici, a tutti coloro che, lavorando nei servizi psichiatrici territoriali e ospedalieri, si trovano a contatto con fenomeni psicopatologici nei quali l'inferenza culturale è sempre più pregnante e presente. 
Un testo importante ed utile per una società complessa che si avvicina a diventare multiculturale e multietnica e che può mettere alle corde un operatore chiamato spesso a rispondere al nuovo che avanza, ponendo in forse l'adeguatezza della cornice istituzionale in cui si inquadra l'attività terapeutica.
È essenziale il contributo della psichiatria transculturale che cerca di costruire una direzione di cambiamento nel processo di osservazione, passando attraverso (e non sopra) i vari modi di pensare e le loro manifestazioni culturali, con lo scopo di modificare l'orizzonte della ricerca, della cura, acquisendo nuovi codici senza il timore di smarrire quelli precedenti.

Alfredo Ancora, psichiatra e psicoterapeuta, è docente di Psichiatria Transculturale presso l'Università degli Studi di Siena (Istituto di Psicologia generale e Clinica). Ha svolto attività di ricerca in diversi paesi. Attualmente coordina l'Unità di Consulenza Familiare e Transculturale della Asl Roma B. Condirettore scientifico di Passaggi. Rivista Italiana di Scienze Transculturali, è tra i fondatori della Scuola di Psicoterapia Transculturale della Fondazione Cecchini Pace di Milano. Fra le sue ultime pubblicazioni ricordiamo: La dimensione transculturale della psicopatologia. Uno sguardo da vicino (Roma, 1997) e La consulenza transculturale della famiglia. I confini della cura (Milano, 2000).00).

 


 
"Immigrazione e cittadinanza. Auto-organizzazione e partecipazione dei migranti in
Italia"
- Claudia Mantovan
Franco Angeli Milano
Il libro analizza la questione della "cittadinanza" degli immigrati, intesa non tanto e non solo in senso formale, quanto soprattutto come partecipazione effettiva alla vita politica, civile e sociale di un Paese.
Nella prima parte, ad una riflessione teorica sulla tematica "immigrazione, cittadinanza, globalizzazione", segue l'analisi
dell'auto-organizzazione, della partecipazione e della rappresentanza degli immigrati in Italia. Un primo tentativo di sistematizzazione della letteratura relativa al caso italiano consente di ricostruire l'evoluzione della situazione nel nostro Paese per ciò che concerne l'associazionismo e la mobilitazione dei migranti, gli organismi consultivi per stranieri, il
dibattito sul diritto di voto e la partecipazione degli immigrati nei sindacati, oltre che di tracciare un bilancio della ricerca in Italia su questi temi. Chiude questa prima parte del volume un'accurata guida bibliografica relativa ai lavori sull'associazionismo e la partecipazione dei migranti in Italia.
La seconda parte presenta una ricerca empirica, che ha come oggetto l'auto-organizzazione e la partecipazione degli immigrati in Veneto.
L'indagine prende in considerazione i diversi fattori che possono influire sulla mobilitazione e la partecipazione dei migranti (il contesto nazionale e sovranazionale, il campo dell'immigrazione locale, la sfera infra-politica, il background culturale, i legami transnazionali, le variabili connesse ai singoli) e fornisce ulteriori elementi di conoscenza su questa tematica, sia dal punto di vista dei contenuti, sia per ciò che concerne gli strumenti di ricerca.
Il testo si rivolge agli studiosi di scienze sociali, agli operatori dell'immigrazione e ai comuni cittadini interessati alla tematica
dell'immigrazione e, in particolare, alla questione dell'auto-organizzazione e della partecipazione dei migranti.

Claudia Mantovan svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Sociologia dell'Università di Padova e collabora con il Centro Interdipartimentale di  Ricerca e Servizi per gli Studi Interculturali (CIRSSI) della stessa Università. Dottore di ricerca in "Sociologia dei processi comunicativi e interculturali nella sfera pubblica", è docente a contratto di Sociologia generale presso la Facoltà di Medicina.

 


 
Mariano Pavanello, Il Segreto degli Antenati

Edizioni Altravista, Pavia, 2007; pp.: 288; euro 23,00; ISBN: 978-88-95458-00-7 

Il Segreto degli Antenati è il risultato di una lunga esperienza di vita e di ricerche etnologiche in Ghana, dove tra il 1989 e il 2006 Mariano Pavanello ha trascorso oltre ventisette mesi sul terreno tra gli Nzema, una popolazione akan stanziata nell'estremo lembo sud-occidentale del Ghana, in una piccola regione che si affaccia sul golfo di Guinea al confine con la Costa d'Avorio. Un percorso che propone al lettore le questioni fondamentali dell'etnografia akan, ricostruendo in uno scenario unitario le problematiche sociopolitiche dell'area, il sistema di parentela e le tattiche matrimoniali, la percezione interna della storia e le forme di organizzazione produttiva, senza tralasciare alcuni aspetti inquietanti connessi ai piani della magia e della stregoneria. 

Autore: Mariano Pavanello (Venezia 1944) è professore ordinario di etnografia dell'africa presso l'Università La Sapienza di Roma. Dal 1973 ha svolto ricerche etnologiche in molti paesi africani e dal 1989 si dedica soprattutto all'area akan in Ghana. È autore di numerose pubblicazioni in riviste scientifiche internazionali e di vari libri, tra cui Le società acquisitive e i fondamenti razionali dello scambio (Milano, 1993); Il formicaleone e la rana (Napoli 2000); Forme di vita economica (Roma 2000); Sistemi umani (Roma 2005); Chiefs in development in Ghana (Accra 2006). 

Per informazioni e acquisti: http://www.edizionialtravista.com/index.html

 

 
"I Sikh. Storia e immigrazione"  Domenica Denti , Mauro Ferrari , Fabio Perocco
Franco Angeli Milano

Questo volume ricostruisce il quadro storico-sociale del contesto di origine del sikhismo e analizza i caratteri dell'immmigrazione indiana in Italia.

Nella prima parte, dopo la presentazione dei tratti socio-economici del Panjab, dell'impatto del colonialismo inglese sulle strutture sociali locali e della conseguente emigrazione di massa, gli autori approfondiscono i fondamenti dottrinali del sikhismo, le relazioni tra etica sikh e condotte sociali, i movimenti che attraversano l'identità sikh nell'India di oggi.

La seconda parte contiene i primi studi empirici sulla presenza degli immigrati indiani in alcune regioni italiane (Emilia-Romagna, Friuli, Lombardia, Veneto). Il senso comune normalmente li considera, specie coloro di fede sikh, come ben inseriti nel mercato del lavoro e nella società locale, e di solito li rappresenta come gli "immigrati preferiti", remissivi e invisibili. Ma ciò non è che il risultato di una sorta di filtro selettivo, che da anni seleziona e divide le popolazioni immigrate in buone e cattive, e che è parte integrante del processo di stratificazione razziale del mercato del lavoro italiano. Dalle ricerche emerge, invece, un inserimento di tipo subordinato, caratterizzato da una condizione di segregazione lavorativa e di isolamento abitativo e sociale, prodotto dalle strutture del contesto d'arrivo.




 



  wpe3.jpg (1330 byte)